Insegnanti: oggi alle 15 Carrozza risponde al Question time

Carrozza  question time

Carrozza risponde al question time Si svolgera’ oggi, mercoledi’ 7 agosto alle 15, il question time trasmesso dalla Rai in diretta televisiva dall’Aula di Montecitorio. Il ministro dell’Istruzione, Universita’ e Ricerca, Maria Chiara Carrozza, rispondera’ ad interrogazioni sulle iniziative per garantire parita’ di trattamento tra i docenti che hanno seguito i tirocini formativi attivi ordinario e speciale; sulle problematiche riguardanti l’inserimento nella terza fascia delle graduatorie ad esaurimento dei docenti abilitati tramite la frequenza del tirocinio formativo attivo ordinario; sulle iniziative per la piena applicazione della circolare del ministero dell’Istruzione, dell’8 gennaio 2010, riguardante l’equa distribuzione tra studenti italiani e studenti immigrati negli istituti scolatici nazionali.

Il ministro per gli Affari europei, Enzo Moavero Milanesi, rispondera’ ad interrogazioni sulle recenti richieste di informazione della Commissione europea relative al funzionamento dello stabilimento Ilva di Taranto; sulle iniziative in ambito comunitario in relazione ad atti intimidatori provenienti da unita’ della Marina militare turca nei confronti di una nave italiana al largo dell’isola di Cipro. Il ministro della Difesa, Mario Mauro, rispondera’ ad interrogazioni sul Consiglio europeo sulla difesa di dicembre 2013; sui costi e le spese gia’ sostenute per la partecipazione al programma relativo ai cacciabombardieri F35. Il governo rispondera’, inoltre, ad una interrogazione sulla gestione dell’ordine pubblico il 3 agosto ai Fori Imperiali a Roma.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Meglio un orgasmo che un cruciverba per mantenere il cervello sano

Next Article

Il 38% delle persone trova l'amore sui mezzi pubblici

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".