Insalata in busta, studio-choc dell'Università di Torino: dove la conservano, quale grave malattia rischi

L’insalata in busta? Nasconde parecchie insidie. È quanto mette in evidenza uno studio dell’Università di Torino condotto su un campione di 100 insalate in busta: il dati riportati sono particolarmente spaventosi, in particolare per l’elevata quantità di microrganismi e batteri presenti nei prodotti analizzati. Lo studio mette inoltre in evidenza come l’insalata confezionata tenda a deteriorarsi molto più facilmente, arrivando ad una data di scadenza decisamente precoce: infatti, anche se non ci sono conservanti e la freschezza dovrebbe essere garantita dalla busta stessa e dalla temperatura, dal confezionamento al consumo possono passare anche diversi giorni. E questo ha un ruolo decisivo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Al via il Trivia Quiz 2019, torneo interscolastico online sull'Europa

Next Article

#StopSingleUsePlastic anche le università italiane diventano plastic free

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".