Innovation made in Europe: gli imprenditori, leader ed innovatori nominati agli EIT Awards

L’EIT (European Institute of Innovation & Technology)  presenta i 19 nominati che partecipano ai Premi EIT 2019. I principali innovatori della Comunità EIT stanno lasciando il segno in tutta Europa, offrendo soluzioni innovative alle sfide più pressanti per la nostra società. La cerimonia si terrà a Budapest il 15 ottobre 2019 durante l’Innovation Forum annuale dell’INFIT, INNOVEIT.
I candidati sono i laureati, gli imprenditori e gli innovatori più promettenti in Europa. Ogni candidato è stato selezionato per affrontare le sfide globali con innovazioni pionieristiche nei campi del clima, dell’energia, della digitalizzazione, dell’alimentazione, della salute e delle materie prime. I loro prodotti e servizi stanno guidando la capacità dell’Europa di innovare e creare posti di lavoro e crescita per l’Europa. Quest’anno provengono da: Finlandia (1), Francia (2), Germania (5), Italia (1), Lettonia (1), Paesi Bassi (1), Norvegia (1), Polonia (1), Portogallo (1) , Spagna (1), Svezia (1), Svizzera (1), Regno Unito (1) e Stati Uniti (1).

I 19 candidati andranno a una selezione finale per i quattro premi. I finalisti di ogni categoria pubblicheranno la propria innovazione il 15 ottobre 2019, dopo il quale verranno annunciati i vincitori delle cinque categorie. I cittadini potranno inoltre esprimere la loro opinione votando la loro massima innovazione per vincere il Premio pubblico EIT, con votazione online a partire dal 2 settembre 2019.

Luca Giovannini di Dedagroup in lizza per l’Italia. Luca Giovannini è stato infatti candidato da Climate-Kic per il progetto Smash, una piattaforma web-based che offre analisi dei dati sulla mobilità sostenibile in una decina di città pilota. La piattaforma è una soluzione SaaS che facilita la visualizzazione dei dati. Lo scopo del servizio offerto, finanziato da Climate-KIC, è contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2 aiutando le amministrazioni locali e le aziende private a definire strategie di mobilità a basso impatto.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Classifica Censis, aumentano le immatricolazioni: UniBo sulla vetta

Next Article

Apollo 11, dall'Europa cinque ricerche ispirate alla missione lunare

Related Posts
Leggi di più

SDA Bocconi tra le prime 7 università al mondo per la formazione dei manager

Pubblicata la Combined Ranking sulla Formazione Manageriale stilata dal Financial Times. L'ateneo milanese si classifica al settimo posto guadagnando per cinque posizioni rispetto alla classifica del 2020. "Premiata la nostra capacità di assicurare il legame e la qualità delle interazioni con le aziende e i partecipanti".