Inner Game: il Gioco che conta!

Ci sono ostacoli mentali che interferiscono con la nostra capacità di giocare al meglio! Timothy Gallwey nel 1970 ha iniziato a sviluppare il principio del gioco interiore. Ci sono sempre due giochi in corso negli affari, nello sport, nella vita privata. C’è sempre una partita interiore che è giocata nella nostra mente qualsiasi sia la partita che stiamo giocando all’esterno. Il modo in cui affrontiamo  questa partita fa la differenza tra il successo e il fallimento.
Concentrarsi sulle variabili del gioco esterno e trascurare  le regole del gioco interno è come cercare di correre con una gamba molto lunga e una molto corta.
Il vero avversario è nella nostra testa siamo noi stessi.
Mentre tutti i giochi esterni sono diversi, gli ostacoli da superare nel gioco interiore sono gli stessi. Prestiamo attenzione alle nostre azioni e ai loro risultati.
Il segreto per dominare la partita con noi stessi è lasciarsi andare, abbandonare l’ego e smettere di criticarsi.
Il primo passo verso la giusta direzione è vedere e sentire ciò che si sta facendo, per aumentare la consapevolezza di ciò che realmente è!
“Rimani ambizioso e forte c’è sempre un motivo per sorridere”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Economia 4.0, le università aprono corsi e master

Next Article

Esame di Maturità, la terza prova scritta è proposta dalla Commissione interna

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, come si vota domenica 25 ed evitare di sbagliare

Le schede elettorali del 25 settembre, quella rosa per la Camera, la gialla per il Senato. Si vota tracciando un segno sul rettangolo contenente il contrassegno della lista e i nominativi dei candidati nel collegio plurinominale. Il voto così espresso vale anche ai fini dell'elezione del candidato nel collegio uninominale e a favore della lista nel collegio plurinominal.