Il Master in Ingegneria che guarda al mondo

Si inaugura mercoledì 17 novembre alle ore 9.00 presso l’aula magna della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa il Master in Ingegneria che fa dell’internazionalizzazione e del supporto dell’Unione Europea alcune parole chiave..

Si inaugura mercoledì 17 novembre alle ore 9.00 presso l’aula magna della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa il Master in Ingegneria che fa dell’internazionalizzazione e del supporto dell’Unione Europea alcune parole chiave. Il Master on Photonic Networks Engineering è promosso dal Centro di Eccellenza per l’Ingegneria dell’Informazione, della Comunicazione e della Percezione (CEIICP) della Scuola Superiore Sant’Anna e, rientrando nel programma di mobilità “Erasmus Mundus”, ha ricevuto il finanziamento della Commissione Europea per la realizzazione di cinque edizioni consecutive, in consorzio con l’Università di Aston (UK), la Technische Universitat Berlin (DE), e l’Università di Osaka (JP).
La cerimonia di mercoledì 17 novembre vedrà, tra gli altri interventi, quelli di Maria Chiara Carrozza, Direttore della Scuola Superiore Sant’Anna, di Giancarlo Prati, Direttore del CEIICP, di Piero Castoldi, responsabile scientifico del Master. Interverranno poi docenti di università giapponesi e tedesche.
Per questa edizione, il consorzio delle università europee che promuovono il Master, di cui la Scuola Superiore Sant’Anna è coordinatrice, ha ricevuto circa 350 domande di partecipazione da parte di studenti extra-europei, a fronte di pochissimi posti disponibili.
Il Master fa parte di “Erasmus Mundus”, programma di mobilità e di cooperazione per l’istruzione superiore promosso dalla Commissione Europea. I suoi obiettivi sono appunto promuovere l’istruzione superiore europea, contribuire ad ampliare e a migliorare le prospettive di carriera degli studenti e favorire la comprensione interculturale tramite la cooperazione con paesi terzi, per contribuire allo sviluppo sostenibile dell’istruzione superiore anche in tali paesi. Per informazioni: www.sssup.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Con Pagliara a lezione per passione

Next Article

Udine e l'economia regionale

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).