Ingegneria contro il ddl

Professori, ricercatori, studenti e il personale delle Facoltà di Ingegneria della Sapienza si sono riuniti in assemblea, motivando le loro ragioni contro il ddl Gelmini.

Professori, ricercatori, studenti e il personale delle Facoltà di Ingegneria della Sapienza si sono riuniti in assemblea e hanno esposto le ragioni che hanno reso necessaria la posticipazione dell’inizio dell’anno accademico (previsto per il 27 dicembre), denunciando i tagli delle risorse in Finanziaria e le msiure del ddl Gelmini
Gli interventi dei Presidi Vestroni, Lampariello e Sabetta, del Rettore Frati, di numerosi docenti, ricercatori e studenti hanno ribadito che i tagli ingiustificati delle risorse da parte del governo e il mancato riconoscimento del ruolo fondamentale dei ricercatori nel DDL Gelmini mettono a forte rischio la stabilità del sistema universitario pubblico.
La mobilitazione, largamente condivisa, proseguirà con altre manifestazioni di protesta, concentrate nei giorni in cui il DDL approderà in aula alla Camera.
Prima Assemblea dei Presidi delle Facoltà di Ingegneria italiane si è svolta venerdì 1 ottobre 2010 per rendere pubblica l’attuale situazione di profondo disagio nei confronti delle iniziative legislative in corso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Docenti presso MCS Formazione

Next Article

L'onda 2010: studenti di Ingegneria

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"