Incentivi per chi assume giovani. Ecco il nuovo piano per l’occupazione

Camera - rapporto ISTAT

La prima partita che il nuovo ministro del Lavoro, Enrico Giovannini, si vuole giocare è l’occupazione. Rilanciare quella ormai persa e trovare una nuova strada per chi non ne conosce ancora il significato. E l’obiettivo fissato da Giovannini è a quota 100mila: cento mila nuovi giovani occupati. Si dovrebbe partire dalla sperimentazione di diverse misure quali la staffetta anziani-giovani, il rafforzamento del credito d’imposta per aumentarne il potere d’acquisto dei lavoratori a bassa retribuzione fino all’idea di poter garantire sgravi fiscali alle aziende che assumono giovani.

Al momento, però, a circolare sono solo delle slide che il ministro avrebbe illustrato durante il vertice informale del Governo. Tasto dolente invece resta il reperimento delle risorse. Come farà la nuova squadra governativa a garantire meno tasse per chi assume? Dove poter reperire i fondi? La soluzione potrebbe arrivare da un allargamento della “golden rule”, l’idea più volte rilanciata da Mario Monti di dividere dal calcolo del deficit i cosiddetti investimenti produttivi. Ma per questa partita bisognerà aspettare il prossimo Consiglio europeo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La specializzazione paga anche prima della laurea

Next Article

Maturità, accelerata sui tempi. Entro il 18 luglio gli orali

Related Posts
Leggi di più

“Il prossimo ministro dell’Istruzione? Dovrà eliminare le teorie gender dalla scuola”

La vittoria di Fratelli d'Italia e Giorgia Meloni alle elezioni di domenica scorsa spinge le forze conservatrici a chiedere un'inversione di rotta sul tema dei diritti e dell'uguaglianza sessuale a scuola. L'associazione Pro Vita chiede che il nuovo inquilino di Viale Trastevere sia contrario "a qualsiasi colonizzazione ideologica gender e Lgbtqia+".