INAIL: concorso per 41 laureati, attività informatiche

L’Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro (INAIL), ha indetto un concorso pubblico per la selezione di 41 risorse che svolgeranno attività informatiche. Le assunzioni sono a tempo indeterminato e pieno, categoria C/C1. Le selezioni sono rivolte a candidati laureati. Il bando di concorso scade in data 31 gennaio 2020.
I candidati al concorso INAIL che saranno impegnati nell’ambito informatico devono essere in possesso dei seguenti requisiti generici:
– cittadinanza italiana o cittadinanza di uno degli Stati membri dell’Unione Europea o altra cittadinanza tra quelle ammesse dal bando;
– godimento dei diritti civili e politici;
– idoneità fisica all’impiego;
– non aver riportato condanne penali che impediscano la costituzione di un rapporto di lavoro con le pubbliche amministrazioni e non avere procedimenti penali in corso;
– non essere stati destituiti dai pubblici uffici;
– non essere stati dispensati dall’impiego presso una Pubblica Amministrazione o decaduti da un impiego statale;
– posizione regolare nei riguardi degli obblighi militari.
Inoltre, è necessario il possesso dei seguenti requisiti specifici:
– laurea triennale in Scienze dell’economia e della gestione aziendale, Scienze e tecnologie informatiche, Scienze economiche, Scienze matematiche o Statistica o laurea magistrale, specialistica o diploma di laurea in Informatica, Ingegneria delle telecomunicazioni, Ingegneria elettronica, Ingegneria informatica, Matematica, Scienze dell’economia, Sicurezza informatica, Scienze economico-aziendali, Scienze statistiche, Scienze statistiche attuariali e finanziarie o Tecniche e metodi per la società dell’informazione;
– certificazione, in corso di validità, di conoscenza della lingua inglese pari almeno al livello B1 del Quadro Comune Europeo di riferimento, rilasciata da uno degli enti certificatori riconosciuti dal decreto n. 118 del 28 febbraio 2017 del MIUR – Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione.
Qualora il numero delle domande sia superiore di dieci volte il numero dei posti a concorso, sarà espletata una prova preselettiva, consistente in un test a risposta multipla sulle materie elencate sul bando. Seguiranno, per i candidati risultati idonei alla procedura di preselezione, le seguenti prove d’esame:
– prima prova scritta: test a contenuto teorico per l’accertamento delle conoscenze tecniche, capacità di sintesi, chiarezza espressiva e capacità di argomentare. La prova consisterà nella predisposizione di risposte sintetiche sulle materie riportate sul bando;
– seconda prova scritta: test a contenuto teorico-pratico, consistente nella risoluzione di un caso in un ambito informatico e contestualizzato nelle attività della pubblica amministrazione;
– prova orale: colloquio sulle materie delle prove scritte e sull’ordinamento e attribuzioni dell’INAIL.
L’INAIL – Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro – è un ente pubblico istituito nel 1898 e operante in materia di tutela dell’infortunio sul lavoro, malattie professionali, assicurazione. Spesso l’INAIL svolge la sua attività congiuntamente all’INPS – Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, al SPSAL – Servizio per la prevenzione e la sicurezza negli ambienti di lavoro, ai Carabinieri del nucleo per la tutela del lavoro e alla Guardia di Finanza. L’INAIL ha sede principale a Roma, in Via Giulio Pastore n.6.
Per partecipare al bando di concorso INAIL per informatici, è necessario usufruire dell’apposita procedura telematica, da completare entro le ore 23:59 del 31 gennaio 2020. Ogni altro dettaglio sulle modalità di partecipazione al concorso, è indicato sull’avviso pubblico che rendiamo disponibile di seguito.
I candidati al concorso INAIL per le assunzioni di informatici sono invitati a leggere attentamente il BANDO (pdf 170kb) di selezione, pubblicato per estratto sulla GU IV Serie Speciale – Concorsi ed Esami n.99 del 17-12-2019.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Aziende che assumono in Svizzera

Next Article

Nascite al minimo storico e speranza di vita in aumento: per l'Istat l'Italia è tra Paesi più vecchi al mondo

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.