In Italia è smartphone mania

Schermata 2013-01-31 a 15.05.47

E’ smartphone mania anche tra gli italiani.
L’Osservatorio Mobile Marketing and Service della School of Management del Politecnico di Milano ha decretato il boom del mobile nel nostro Paese.
Siamo tutti un po’ “smartphomani”.
Più del 50% degli italiani possiede uno smartphone e, tra questi, il 61% si collega ogni giorno ad internet per almeno un’ora.

Gli investimenti nel mobile advertising stanno crescendo: in Italia, il fatturato è pari a 89 milioni di euro.
Ben 3 utenti su 4 navigano su internet grazie al cellulare e scaricano almeno un’app.
Il 40% di questi utenti clicca sugli annunci pubblicitari.
E’ per questo che il valore del mobile advertising è salito dal 5 al 7%, e si pensa che l’Italia possa superare Francia, Germania e Spagna, in classifica e raggiungere presto il 10%.
“Nell’ultimo anno è triplicato il numero di app sviluppate dai 100 top spender italiani in pubblicità”, ha detto Andrea Borretto, responsabile della ricerca.

In seguito alla contrazione dei consumi, le aziende hanno confidato sempre di più nei miracoli del marketing per la promozione e per la gestione della relazione con il cliente.
Ecco, quindi, che sulle app sono arrivate novità come la raccolta punti e la carta fedeltà.
Ben il 60% delle imprese, poi, ha scelto di ottimizzare il proprio sito per mobile o app.
Il mobile marketing, però, sostengono gli esperti, riserverà ancora altre sorprese positive al nostro mercato.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Iscrizioni: in 10 anni è scomparso un intero grande ateneo

Next Article

Cyber-sesso e porno tra i giovani, ma l'Italia resta un popolo bigotto

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".