Imperia, studentessa disabile discriminata a scuola: "Violato il diritto allo studio"

 
“Apprendiamo un grave caso di violazione del diritto allo studio verificatosi presso il “Liceo Artistico Statale” di Imperia, dove una studentessa disabile e in gravidanza è stata ostacolata nel proseguire il suo percorso di studi e nel partecipare alle attività didattiche.” – dichiara al Corriere dell’Università Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti – “A tale situazione, che non ha ricevuto risposte da parte della dirigenza, si aggiunge una totale assenza di trasporti pubblici adeguati e la presenza di barriere architettoniche. Riteniamo illegittimo ed illegale, nonché un inaccettabile negazione del diritto allo studio e del rispetto della persona tale rifiuto della dirigente scolastica. Nonostante le numerose segnalazioni da parte dei familiari della ragazza si continua a rinviare il problema senza ricercare soluzioni.”
“Si scavalca non soltanto un diritto costituzionale, ma si ignora di fatto la Legge 104 del ’92 che sancisce di l’obbligatorietà dell’assistenza, dell’integrazione sociale e la garanzia dei diritti delle persone portanti disabilità” – continua Francesca Picci, responsabile per l’esecutivo nazionale della vertenza – “Come sindacato studentesco richiediamo che la ragazza sia reinserita all’interno della scuola, che le venga garantito un adeguato percorso di recupero e adeguati mezzi di trasporto, senza ulteriori ostacoli che scavalcano i principi costituzionali ed umani di questo paese. In seguito alla denuncia esposta presso l’ Ufficio Scolastico Regionale Ligure attendiamo una risoluzione immediata, diversamente procederemo con una segnalazione presso il Ministero della Pubblica Istruzione e, qualora le circostanze lo rendessero necessario, procederemo per le vie legali.”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La ricerca - Senza sesso né acqua? Basta "rubare" DNA

Next Article

I Sette #SuperErrori del Web: la campagna del Miur per navigare sicuri

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.