Il valore della ricerca scientifica spiegato in un cartoon

cartoon ricerca scientifica

L’importanza della ricerca scientifica spiegata in un cartoon: questa una delle iniziative del progetto Ecran (European Research Communication Needs Awareness), finanziato dalla Commissione europea e coordinato dall’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri di Milano.

Uno degli strumenti sviluppati per diffondere la cultura della ricerca scientifica indipendente è stato la creazione di un film d’animazione d’autore, doppiato in tutte le 23 lingue ufficiali europee, realizzato in collaborazione con SuperQuark Rai e Studio Bozzetto & Co.

Il film si apre con la storia del chirurgo scozzese James Lind e dei suoi sforzi per sconfiggere lo scorbuto attraverso un esperimento che oggi potrebbe essere considerato uno dei primi studi clinici. Un film costituito da 8 moduli, visibili separatamente, riguardanti: il primo studio clinico della s; il comitato etico; la randomizzazione; il doppio cieco; l’analisi dei dati; un solo studio clinico non basta; risultati importanti per i pazienti; le trappole degli studi clinici.

“Fornire informazioni semplici e indipendenti a cittadini o pazienti sugli studi clinici a volte è un compito difficile – sottolinea Paola Mosconi, coordinatore del progetto al Mario Negri – Anche se diverso materiale informativo è già esistente, mancava un’iniziativa che sviluppasse specificamente diversi strumenti di promozione dell’informazione indipendente sulla ricerca clinica, in particolare a livello europeo. Attraverso il progetto Ecran sono stati sviluppati diversi materiali e strumenti per attrarre più attenzione su questo importante problema”.

A questo link potete vedere gli 8 cartoon che spiegano il valore della ricerca scientifica indipendente.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Le 10 professioni più stressanti al mondo

Next Article

La Svezia finanzia i talenti e investe nella ricerca

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".