Il rischio suicidio è scritto nel sangue

il suicidio è scritto nel sangue

Il rischio di suicidio e’ scritto nel sangue e in futuro potrebbe bastare un semplice prelievo per predirlo. Ad aprire una nuova frontiera nella prevenzione di un’emergenza che causa ogni anno oltre 1 milione di vittime nel mondo e’ un gruppo di scienziati dell’universita’ americana dell’Indiana, che in uno studio pubblicato in anteprima online su ‘Molecular Psychiatry’, rivista del gruppo Nature, ha scoperto una serie di marcatori genetici ‘spia’, in grado di indicare chi potrebbe tentare di togliersi la vita. Si tratta di particolari molecole di Rna che, secondo i risultati della ricerca, sono presenti a livelli significativamente piu’ alti nel sangue sia di pazienti con disordine bipolare e pensieri suicidi, sia in un gruppo di persone che hanno effettivamente compiuto l’estremo gesto. Secondo Alexander B. Niculescu III, dell’Istituto di ricerca psichiatrica della Indiana University School of Medicine, principale autore dello studio, “questo lavoro fornisce la prima prova di principio del fatto che un test del sangue potrebbe avvertire tempestivamente dell’alto rischio di suicidio di una persona”. Il suicidio, assicura lo scienziato, “e’ una tragedia evitabile”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Chiudiamo l'Universita' di Bari": è bufera per un editoriale del Corriere della Sera. Gli studenti: "Violati i nostri diritti"

Next Article

Choc a Londra: stagista 21enne muore dopo aver lavorato 72 ore di fila

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".