Il monito di Draghi: "i Giovani non vogliono sovvenzioni, vogliono opportunità"

Da Dublino il presidente della BCE Mario Draghi ha lanciato un monito sull’insostenibile situazione occupazionale dei giovani. Forte l’accusa ai governi di scaricare sulle nuove generazioni il peso di un sistema economico e professionale sbilanciato.

Argomento caldo quello della disoccupazione giovanile. Una spina nel fianco di molti governi che non riescono ad arginare un fenomeno fuori controllo in Italia, ma anche in molti altri paesi del resto d’Europa. Anche il governatore della Bce Mario Draghi è intervenuto da Dublino sul tema, così come riporta l’agenzia AdnKronos.
In diversi paesi il peso della crisi è caduto in modo sproporzionato sui giovani, lasciando un’eredità di speranze fallite, di rabbia e, infine, di sfiducia nei valori della nostra società e nell’identità della nostra democrazia”. Lo sottolinea in un discorso a Dublino il presidente della Bce Mario Draghi aggiungendo: i giovani “non vogliono vivere sulle sovvenzioni, vogliono lavorare e espandere le loro opportunità”. Per questo i governi dovrebbero “rispondere alle loro domande e creare un ambiente in cui le loro speranze abbiano una possibilità”.
In ogni caso, “la ripresa economica in atto nell’area dell’euro ha portato a un miglioramento delle condizioni del mercato del lavoro, il PIL reale dell’area dell’euro è cresciuto per 17 quarti consecutivi, creando complessivamente oltre 6 milioni di posti di lavoro”, sottolinea Draghi osservando che “di conseguenza, dal suo picco nel 2013, il tasso di disoccupazione giovanile è sceso dal 24% a circa il 19% nel 2016, ma è ancora circa 4 punti percentuali superiore a quello all’inizio della crisi del 2007”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di venerdì 22 settembre

Next Article

Sapienza, Tar Lazio sospende nuovo test Psicologia

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.