Il mondo guarda l’Italia e spera: “Basta Berlusconi”

Schermata 2013-02-25 a 15.03.16

A pochi minuti dalla chiusura delle urne anche Wall Street punta gli occhi sull’Italia. La borsa americana anticipa, e spera, – sottolinea la televisione americana Bnbc – che il centro-sinistra possa assumere la guida, come previsto dai sondaggi. Maggiori perplessità invece ci sono sulla buona riuscita del Pd al Senato. A Wall Street già si parla di una possibile e futura coalizione con il partito del primo ministro Mario Monti.

A parlare di primavera di sorprese è invece il “Financial Times”, che ha dedicato in questi giorni una sezione del suo sito alle elezioni italiane. Tra le parole più utilizzate c’è sicuramente “l’austerity”, che ha colpito le spese della campagna elettorale e gli scandali derivati dalla “corruzione” che hanno portato ha una riduzione dei finanziamenti pubblici.

Ci apostrofano come “cinici” i giornalisti della Bbc. Gli italiani sarebbero ormai disillusi, anche se speranzosi di poter ottenere ancora un cambiamento. Anche i politici – secondo l’emittente britannica – sembrerebbero aver perso il loro entusiasmo. “Forse perché sono pochi gli elettori rimasti a sostenerli pubblicamente”.

Infine anche all’estero fa notizia il caso delle tre donne in topless, che provocatoriamente si sono denudate di fronte all’ex primo ministro Silvio Berlusconi. Alcuni giornali inglesi non usano giri di parole per dire “basta Berlusconi”, mentre Monti resta il candidato preferito dalle cancellerie europee. A scriverlo il ‘Sueddeutsche Zeitung’, che subito dopo spiega che “la vittoria non andrà né a Monti, né a Berlusconi, poiché “i socialdemocratici del Pd sotto la guida del solido Pierluigi Bersani usciranno probabilmente dal voto come la forza più importante”.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Votano gli Erasmus. Centrodestra fuori dal Parlamento. Vince il centrosinistra

Next Article

L'elettore più anziano d'Italia ha 106 anni. Ha votato in toscana

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

Gli studenti rispondono a Bianchi: “Vergogna, bugiardo”

Non tarda a farsi sentire la reazione degli studenti alle dichiarazioni del Ministro, che ha dichiarato ieri di voler costruire una riforma della scuola in maniera “affettuosa". I sindacati verso lo sciopero del 30 maggio contro il decreto 36
Leggi di più

“Incompetente ed esibizionista”: ecco cosa pensano i giovani della politica italiana

Presentato il decimo rapporto dell'Osservatorio permanente sui giovani della Link Campus University. La ricerca ha interessato 5mila giovani tra i 16 e i 19 anni. La maggior parte di loro sono delusi dal mondo delle istituzioni ma vorrebbero una donna come Presidente della Repubblica. "I fondi del PNRR? Utilizziamoli per riparare ai danni psicologici provocati dalla DaD".