Il Miur finanzia 10 borse "biotech"

Il laboratorio di Tecnologie oncologiche Lato Hsr-Giglio di Cefalù (Palermo) ha avviato la selezione per l’assegnazione di dieci borse di studio per la formazione di ricercatori altamente qualificati nella proteogenomica e bioimaging in medicina con applicazione in oncologia e neurologia. Il corso della durata biennale, finanziato dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, approfondirà gli aspetti più innovativi dello sviluppo di nuovi schemi diagnostici e terapeutici basati sull’integrazione di informazione delle diagnostica molecolare di base, la diagnostica mediante imaging e la terapia mirata. Le dieci borse di studio saranno assegnate con una selezione per titoli e colloquio. Vi potranno concorrere i possessori di laurea magistrale o equivalente in discipline tecnico scientifiche. Altro requisito del bando è la conoscenza parlata e scritta dell’inglese.
Il corso, con frequenza obbligatoria, si svolgerà presso i laboratori della Lato e dell’Istituto di bioimmagini e fisiologia molecolare (Ibfm) del Cnr di Milano e di Cefalù. Agli ammessi verrà riconosciuta una borsa di studio dell’importo complessivo di 36 mila euro lordi. La domanda di partecipazione alla selezione, che si può visualizzare, insieme al bando, sul sito internet della Fondazione San Raffaele Giglio (www.hsrgiglio.it) nella sezione «Lavora con noi», si dovrà inviare entro il 18 settembre, al Consorzio Italbiotec – Coordinamento Formazione – Via Einstein a Cascina Codazza (Cap 26900) in provincia di Lodi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Corteo anti-G8 nell'ateneo romano

Next Article

Formazione e lavoro sotto l'egida dell'Onu

Related Posts
Leggi di più

Il mondo della comunicazione è sempre più giovane: il 53% degli occupati è under 35

Un dipendente su due che lavora nel mondo della comunicazione ha meno di 35 anni. E' quanto emerge da un'indagine condotta su un campione di 172 aziende e condotta da Una, Aziende della comunicazione unite, e Almed, Alta Scuola in Comunicazione, Media e Spettacolo, dell'Università Cattolica del Sacro Cuore. Negli ultimi anni c'è stato un calo dell'occupazione femminile.
Leggi di più

A gennaio previsti 500mila nuovi posti di lavoro ma operai, artigiani e tecnici restano i profili più introvabili dalle aziende

Secondo Unioncamere-Anpal ad inizio 2022 ci potrebbero essere più di mezzo milione di nuovi posti di lavoro (1,2 fino a marzo) ma le imprese fanno fatica a trovare i profili giusti. Mancano operai del settore edile, tecnici del legno, operatori tlc. E così quattro posti di laovro su dieci restano desolatamente vuoti.