Il Ministro Patrizio Bianchi ha incontrato la Commissaria europea Mariya Gabriel

Videoconferenza tra il Ministro Bianchi e la Commissaria europea Mariya Gabriel, per un confronto su istruzione e formazione.

Il Ministro dell’Istruzione, Professor Patrizio Bianchi, ha incontrato in videoconferenza la Commissaria europea all’Innovazione, alla Ricerca, alla Cultura, all’Istruzione e alla Gioventù, Mariya Gabriel, per un confronto sulle politiche nazionali ed europee nell’ambito dell’istruzione e della formazione.

Il Ministro Patrizio Bianchi ha sostenuto la necessità di una istruzione e formazione di qualità per tutti. Lotta alla dispersione scolastica, contrasto dei divari territoriali e delle disparità sono tra le priorità delle politiche del Governo. Equità, inclusione, parità di accesso devono essere leve centrali per sostenere dinamiche economiche e un modello sociale europeo, anche alla luce delle vulnerabilità legate alla pandemia. Il Ministro ha anche spiegato che l’istruzione costituisce uno strumento vitale per una Europa più coesa e per rafforzare l’Unione a livello globale.

Il Ministro Patrizio Bianchi ha anche anticipato che per l’istruzione e la formazione – con un riguardo particolare per la formazione tecnica e professionale – è previsto un irrobustimento degli investimenti all’interno del Piano nazionale di ripresa e di resilienza (PNRR) e per le infrastrutture tecnologiche. Competenze digitali e sostenibilità ambientale devono essere al centro della formazione dei docenti e degli studenti.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article
ordinanze esami commissioni

Scuola, pubblicate le Ordinanze sugli Esami di giugno

Next Article

Sapienza migliore ateneo "classico", superato Oxford

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.