“Da quando andavo a scuola ad oggi, che studiano i miei figli, sono passati 50 anni ma le ore di matematica, fisica e chimica sono sempre le stesse”. A bacchettare il mondo della scuola e dell’università è il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani, intervenendo oggi in chiusura dell’incontro “Capitale umano – Come far crescere competenze e imprese”, organizzato dal Corriere della Sera.

“Evidentemente non si prende il coraggio a quattro mani per dire che un certo tipo di formazione ha bisogno di una certa preparazione. C’è una responsabilità importante dei media, che non fanno fact checking, e delle università che non si prendono la responsabilità per cui certe figure tecniche possano essere risolutrici di problemi. Tutte queste cose messe insieme fanno un modello formativo poco adatto a confrontarsi con i problemi reali e si va quasi sempre sulla teoria e sulla norma e poco sulla pratica”.

Total
5
Shares
Lascia un commento
Previous Article
call4brains poste italiane

Poste Italiane master e stage: selezione per 100 laureati

Next Article
Carta europ didattica in presenza

Didattica in presenza, la situazione europea

Related Posts