“Da quando andavo a scuola ad oggi, che studiano i miei figli, sono passati 50 anni ma le ore di matematica, fisica e chimica sono sempre le stesse”. A bacchettare il mondo della scuola e dell’università è il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani, intervenendo oggi in chiusura dell’incontro “Capitale umano – Come far crescere competenze e imprese”, organizzato dal Corriere della Sera.

“Evidentemente non si prende il coraggio a quattro mani per dire che un certo tipo di formazione ha bisogno di una certa preparazione. C’è una responsabilità importante dei media, che non fanno fact checking, e delle università che non si prendono la responsabilità per cui certe figure tecniche possano essere risolutrici di problemi. Tutte queste cose messe insieme fanno un modello formativo poco adatto a confrontarsi con i problemi reali e si va quasi sempre sulla teoria e sulla norma e poco sulla pratica”.

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article
call4brains poste italiane

Poste Italiane master e stage: selezione per 100 laureati

Next Article
Carta europ didattica in presenza

Didattica in presenza, la situazione europea

Related Posts
Leggi di più

Elezioni, flash mob studenti per il voto fuori sede

"Siamo tre milioni ad averne dirittio". Madia (Pd): "Ragionevole entro la legislatura, nessuna forza politica ha messo veto». Il dem Viscomi: "Si inizi a sperimentare in piccoli comuni". Anghelè (The Good Lobby): "Più soluzioni possibili"