Il futuro delle lingue dai licei all’università

Convegno ad Udine per fare il punto sul rinnovamento dell’insegnamento delle lingue classiche e moderne alla luce delle recenti riforme scolastiche.

Fare il punto sul rinnovamento dell’insegnamento delle lingue classiche e moderne alla luce delle recenti riforme del sistema scolastico, dell’avvio della laurea magistrale abilitante e dell’istituzione del tirocinio formativo attivo.

È questo l’obiettivo del convegno “Lingue antiche e moderne dai licei all’università” che si terrà all’Università di Udine mercoledì 23 (dalle 15) e giovedì 24 maggio 2012 (dalle 9) nella sala “Gusmani” di Palazzo Antonini, in via Petracco 8 a Udine. Interverranno studiosi, docenti ed esperti italiani, austriaci, cechi, tedeschi e ungheresi.
L’incontro è organizzato dal dipartimento di Studi umanistici dell’Ateneo con il patrocinio del Comune di Udine e del Consorzio universitario del Friuli.

L’incontro sarà l’occasione per riflettere non solo sull’insegnamento delle lingue tenuto conto degli studi più recenti, ma anche sulla formazione del docente che deve farsi promotore di questo rinnovamento verso le future generazioni.

«Se sapremo aprirci alle scienze linguistiche contemporanee trovando un punto di sintesi con le lingue classiche – spiega il coordinatore del convegno, Renato Oniga, professore di Lingua e letteratura latina –, potremo dire di aver contribuito a debellare l’assedio di chi, scettico sui motivi dell’insegnamento del greco e del latino nei licei italiani, vorrebbe renderli sempre più opzionali».

L’evento è inserito nell’ambito del progetto di ricerca (Prin 2008) “Didattica delle lingue e linguistica formale: prospettive e applicazioni di grammatica comparativa”. Ai docenti e dirigenti delle scuole superiori il Ministero ha concesso l’esonero dal servizio per la partecipazione al convegno.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Take your first EURES Job

Next Article

Agricoltori, studenti e pensionati in piazza

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".