Il dramma dei musei italiani: Il Louvre, da solo, guadagna di più

Musei Italiani

Il Louvre ci batte tutti. Il Museo Archeologico di Marianopoli, in Sicilia, conta 2 visitatori la settimana, per un totale di 8 al mese. Quello archeologico di Ragusa, poi, vanta 1,4 visitatori in media al giorno. Peccato che le spese di manutenzione si aggirino intorno ai 300mila euro per pagare i custodi e sopperire alle varie impellenze.

È questa la tragica situazione dei musei italiani. Proprio la penisola, patrimonio della cultura, diventa paradosso emblematico di un paese allo sbando dal punto di vista dell’organizzazione territoriale: entrate gratuite per buona parte dei visitatori, regole disomogenee da regione a regione, bilanci in rosso, personale impreparato, manutenzione scarsissima.

Non è un caso se tutte le biglietteria statali italiane messe insieme fanno introiti meno del solo Louvre. E per un bel 25 %. “Sia chiaro. L’obiettivo principale dei musei non è quello di fare soldi” – scrive Gian Antonio Stella sul Corriere. Ma il problema resta. Soprattutto tenendo presente che l’Italia vanta la percentuale maggiore al mondo per quanto riguarda il patrimonio artistico culturale presente sul territorio.

Non basta risollevare le sorti di caffetterie, Bookshop, parcheggi, merchandising: è l’intero sistema ad essere andato in blacl out. E, mai come questa volta, non ci sono differenze tra Nord e Sud.

In alcuni casi il Ministero e le regioni stesse sono in difficoltà nella comunicazione e nel calcolo dei dati. E quelli che escono fuori, il più delle volte, sono allarmanti.

RN

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gdf denuncia no profit: 1800 prof lavoravano in nero

Next Article

Si laurea negli Usa senza spostarsi dalla Bicocca

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.