Il caso: all’Università Alma Mater di Bologna un professore diventa prete

professore diventa prete

Professore diventa preteRiccardo Vattuone, 63 anni, docente ordinario di storia greca, prenderà i voti questo venerdì. Continuerà a insegnare, assolverà i compiti sacerdotali e farà anche l’allenatore di basket

 

Non è raro vedere sacerdoti che diventano professori universitari. In molti Atenei, gli studenti frequentano i corsi tenuti da uomini in tunica e colletto bianco, ma il caso di un professore che scelga di prendere i voti è una vera eccezione. Succede all’Alma Mater di Bologna, dove Riccardo Vattuone, professore ordinario di storia greca, verrà ordinato sacerdote questo venerdì nella Cattedrale della città.

La storia è stata raccontata dall’inserto locale del quotidiano Avvenire, Bologna Sette, che ha pubblicato anche la lettera con cui il Rettore dell’Alma Mater, Ivano Dionigi, ha accolto l’insolita notizia: “Conoscevo casi di sacerdoti diventati professori, come l’amico Fiorenzo Facchini o il mai abbastanza rimpianto Paolino Serrazanetti; ma non professori – nel tuo caso ordinario di storia greca – che sono diventati sacerdoti”.

Intervistato sulla sua scelta, Vattuone, 63 enne, ha risposto: “L’Arcivescovo me l’ha chiesto e io non ho potuto dire di no, perché ho compreso che attraverso di lui chi mi chiamava era Cristo e la sua Chiesa”.

Per quel che riguarda l’insegnamento all’Università, il professore ha precisato che proverà a continuare regolarmente la sua attività, pur con tutte gli impegni che la nuova carica comporta.

L’unica passione a cui dovrà, probabilmente, rinunciare, è quella di allenatore di basket, anche se lo stesso Vattuone ha precisato: “Qualche capatina in palestra la farò ancora perché è un’esperienza di umanità che prediligo”.

DI

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La diplomazia contro le armi: il 10 Ottobre torna Diplomacy

Next Article

Stage alla Commissione Europea: boom di domande provenienti dall’Italia

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.