Il 25 aprile degli studenti: "La memoria è il futuro di tutti"

Saranno tante le manifestazioni in giro per l’Italia per ricordare il 25 aprile, a 70 anni dalla Resistenza e dalla Liberazione. Protagonisti della giornata saranno anche gli studenti, che confermano “Centinaia di iniziative nelle scuole, in piazza e nelle università per dire che la Resistenza è un valore imprescindibile, che non ha tempo o generazione”.
“Il 25 Aprile come Unione degli Universitari e Rete degli Studenti Medi insieme ad ANPI e SPI saremo nelle piazze italiane, nelle nostre scuole ed università con centinaia di iniziative per il 70^ anniversario della Liberazione non solo per ricordare e festeggiare ma per dire che la memoria è il futuro di tutti, per dire che la resistenza è un valore imprescindibile che non ha tempo o generazione”.
“Il 25 Aprile saremo nelle piazze, nelle scuole e nelle università con centinaia di iniziative per festeggiare la liberazione dal fascismo del nostro Paese – commenta Alberto Irone Portavoce della Rete degli Studenti Medi –. Siamo convinti che il 25 Aprile non debba essere solo una data sul calendario da celebrare. I valori della resistenza, infatti, non hanno tempo e dovremmo farne tesoro ogni giorno dell’anno perché la memoria è il futuro di tutti e solo così una società più equa, inclusiva, solidale potrà essere possibile.”
Gianluca Scuccimarra, Coordinatore dell’Unione degli Universitari conclude :“E’ necessario, in un momento come questo, in cui la solidarietà tra persone e la capacità di inclusione talvolta è totalmente assente,  ripartire da quei valori della Resistenza posti a fondamento della democrazia e dell’uguaglianza. La memoria ha un ruolo fondamentale per il futuro di tutti: non dimenticare non significa solo non commettere gli errori del passato, ma significa soprattutto costruire un Paese diverso, di tutti e per tutti. Per questo domani 25 aprile come ogni anno l’Unione degli Universitari e la Rete degli studenti nelle centinaia di iniziative in tutta Italia faranno della Memoria il futuro di tutti. ”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

25 aprile, firmato accordo MIUR-ANPI

Next Article

Giannini sui fatti di Bologna: "Aggredita da 50 squadristi. Non ci fermeremo"

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident