Il 25 aprile degli studenti: "La memoria è il futuro di tutti"

Saranno tante le manifestazioni in giro per l’Italia per ricordare il 25 aprile, a 70 anni dalla Resistenza e dalla Liberazione. Protagonisti della giornata saranno anche gli studenti, che confermano “Centinaia di iniziative nelle scuole, in piazza e nelle università per dire che la Resistenza è un valore imprescindibile, che non ha tempo o generazione”.
“Il 25 Aprile come Unione degli Universitari e Rete degli Studenti Medi insieme ad ANPI e SPI saremo nelle piazze italiane, nelle nostre scuole ed università con centinaia di iniziative per il 70^ anniversario della Liberazione non solo per ricordare e festeggiare ma per dire che la memoria è il futuro di tutti, per dire che la resistenza è un valore imprescindibile che non ha tempo o generazione”.
“Il 25 Aprile saremo nelle piazze, nelle scuole e nelle università con centinaia di iniziative per festeggiare la liberazione dal fascismo del nostro Paese – commenta Alberto Irone Portavoce della Rete degli Studenti Medi –. Siamo convinti che il 25 Aprile non debba essere solo una data sul calendario da celebrare. I valori della resistenza, infatti, non hanno tempo e dovremmo farne tesoro ogni giorno dell’anno perché la memoria è il futuro di tutti e solo così una società più equa, inclusiva, solidale potrà essere possibile.”
Gianluca Scuccimarra, Coordinatore dell’Unione degli Universitari conclude :“E’ necessario, in un momento come questo, in cui la solidarietà tra persone e la capacità di inclusione talvolta è totalmente assente,  ripartire da quei valori della Resistenza posti a fondamento della democrazia e dell’uguaglianza. La memoria ha un ruolo fondamentale per il futuro di tutti: non dimenticare non significa solo non commettere gli errori del passato, ma significa soprattutto costruire un Paese diverso, di tutti e per tutti. Per questo domani 25 aprile come ogni anno l’Unione degli Universitari e la Rete degli studenti nelle centinaia di iniziative in tutta Italia faranno della Memoria il futuro di tutti. ”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

25 aprile, firmato accordo MIUR-ANPI

Next Article

Giannini sui fatti di Bologna: "Aggredita da 50 squadristi. Non ci fermeremo"

Related Posts
Leggi di più

Concorso scuola, docenti chiedono di riaprire le domande

Iscrizioni sono state chiuse il 31 luglio 2020. Altri candidati hanno acquisito il requisito di partecipazione, altri chiedono di modificare la regione dato che la scelta era stata avanzata sulla base di una eventuale prova preselettiva adesso eliminata
Leggi di più

Scuola, l’organico Covid prorogato fino a giugno

Soddisfatti i rappresentanti dei lavoratori e i dirigenti scolastici. Il personale inserito tra settembre e inizio ottobre nelle classi per dare un aiuto concreto ai docenti curriculari, potrà continuare a lavorare fino alla fine dell’anno