Ideato un nuovo sistema che permette di parlare con le pupille

parlare con le pupille

Parlare con le pupille Ideato un nuovo sistema che permette di rispondere “si'” e “no” in pochi secondi attraverso le pupille. Il meccanismo, costituito da un semplice laptop e da una macchina fotografica, ha le dimensioni di una pupilla, legge le variazioni del diametro pupillare che si verificano naturalmente quando pensiamo o quando riflettiamo su questioni di aritmetica e le interpreta efficacemente, senza la necessita’ di attrezzature specializzate o training. Lo strumento di risposta pupillare in fase sperimentale non aiuterebbe solo chi ha serie difficolta’ a comunicare normalmente ma potrebbe essere utile anche alla valutazione dello stato mentale dei pazienti i cui i livelli di coscienza non sono chiari. “E’ singolare che una struttura fisiologica semplice come la pupilla abbia un repertorio di risposte cosi’ ricco da essere utilizzabile per compiti complessi come la comunicazione”, ha spiegato Wolfgang Einhauser della Philipps-Universitat Marburg, in Germania, autore della ricerca pubblicata sulla rivista Current Biology. Dalla valutazione delle variazioni di dimensione della pupilla, la ricerca e’ riuscita a dimostrare che e’ possibile rispondere alle cosiddette domande chiuse, quelle che prevedono risposte immediate basate esclusivamente su un “si'” o un “no”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stragista di Utoya, Oslo gli nega l'iscrizione all'università

Next Article

Vodafone cerca 500 studenti per insegnare Internet agli over 55

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".