I test d'ingresso 2015 si potranno fare "a distanza"

Dopo la sperimentazione dello scorso anno, l’Università di Milano-Bicocca introduce il test a distanza per due corsi di laurea: Scienze e tecniche psicologiche e Scienze psicosociali della comunicazione. Da Torino a Reggio Calabria, sono venti le sedi dove è possibile svolgere la prova

I test d’ingresso 2015 si faranno anche nella modalità “a distanza”. E’ la novità per gli studenti delle scuole superiori che vogliono iscriversi ai corsi di Scienze e tecniche psicologiche e Scienze psicosociali della comunicazione dell’Università di Milano-Bicocca. Dopo la sperimentazione dell’anno passato, quindi, si parte con la possibilità ufficiale di sostenere il test d’ammissione a distanza in modalità CBT (computer based test).

«Questa novità – spiegano Maria Elena Magrin, presidente del corso in Scienze e tecniche e psicologiche e Patrizia Steca, presidente del corso in Scienze psicosociali della comunicazione –, si inscrive in una logica di semplificazione delle procedure di selezione e di riduzione dei costi sostenuti, in particolar modo, dai candidati fuori sede, a vantaggio delle famiglie e degli studenti attualmente impegnati nella preparazione dell’esame di maturità».

Lo scorso anno, a sperimentare la modalità di test da remoto era stato il corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche. Con il CBT non sarà necessario raggiungere la sede dell’Ateneo per fare il test ma lo si potrà sostenere in una delle 20 sedi certificate e accreditate in tutta Italia: da Roma a Bologna, da Verona a Cagliari, da Ancona a Torino a Reggio Calabria.

Il computer based test, che affianca il tradizionale test in sede, il paper based test (PBT), è stato progettato attraverso un accordo con il Consorzio Cineca, che ha sviluppato una piattaforma dedicata e ha certificato le sedi di svolgimento.

Tre le date previste per sostenere le prove: 24 aprile 2015, 30 aprile 2015 e 8 maggio 2015Il test a distanza consiste in una batteria di 100 domande a risposta multipla alle quali rispondere in 75 minuti, esattamente come per la prova cartacea. Il punteggio finale della prova è immediatamente visualizzato sulla postazione del candidato al termine del test, e vale il 50 per cento del punteggio finale di ammissione (l’altro 50 per cento è determinato dal voto di maturità). Per permettere ai candidati di familiarizzare con il test da remoto è stato anche realizzato un simulatore online che riproduce, in maniera ridotta nel numero e nel tempo a disposizione, le domande e le modalità di funzionamento del software.

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Curriculum? No Grazie. Ecco come avvengono le assunzioni in Google

Next Article

Expo 2015: biglietti ridotti a 10 euro per gli studenti universitari

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".