“I soldi per università e ricerca nel PNRR non sono pochi. Capire come utilizzarli al meglio”

La ministra Maria Cristina Messa fa il punto sulle risorse messe a disposizione dal PNRR. “Almeno 5 dei 9 miliardi per la ricerca sono dedicati a progetti”

“I 15 miliardi nel PNRR per università e ricerca sono giusti per poter pensare a un rilancio e a una ripartenza e si sommano a quelli già a bilancio negli anni precedenti. Sono più preoccupata di usarli bene, non che siano pochi”. Lo ha sottolineato il ministro dell’Università e della Ricerca Maria Cristina Messa questa mattina a Radio24. La ministra ha anche sottolineato come dei 15 miliardi previsti dal Piano nazionale di ripartenza e resilienza quasi 9 saranno dedicati alla ricerca, entrando poi nei dettagli della redistribuzione delle risorse.

Almeno 5 dei 9 miliardi sono dedicati proprio a progetti di ricerca, al netto di persone e infrastrutture. Il nodo – sottolineato la ministra Maria Cristina Messa – non è di finanziamenti ma mettere ordine. Infatti il progetto è accompagnato da una serie di semplificazioni e riforme tra cui quella che mette ordine al percorso classico del ricercatore, limitando il periodo formativo e dando tempi certi sull’entrata in università o negli enti di ricerca” ha concluso.

Total
2
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La sanatoria per i prof precari in arrivo col Decreto Scuola. Caccia a 120 mila insegnanti

Next Article

I sogni di Emma, tre esami alla laurea in Sociologia: spezzati dal brutale femminicidio

Related Posts