I soldi non bastano? Aumentiamo le tasse

dsc00222.JPGSe mancano i soldi li chiederemo agli studenti. Con questa provocazione ieri la Crui ha alzato la voce firmando un documento che denuncia la pesante crisi finanziaria del sistema universitario, determinata dai tagli inflitti al Fondo di finanziamento ordinario, ovvero i soldi che il ministero mette a disposizione degli atenei per le spese correnti.
La conferenza dei 95 rettori delle università italiane (67 statali e 28 non statali) nell’assemblea straordinaria ha infatti ragionato sulle conseguenze che potrebbero verificarsi se passasse in Parlamento la manovra economica dello scorso 25 giugno. Il sistema non reggerebbe, rischierebbe insomma di dover rinunciare alla qualità. E se il governo non riuscirà a farsi carico almeno delle spese correnti degli atenei (bollette, pulizie, amministrazione, personale), l’unica soluzione sarà quella di mettere le mani nelle tasche degli studenti.
A rimetterci insomma potrebbero essere le famiglie, con un aumento di circa 100 euro per le tasse universitarie dei propri figli. Oggi le cifre per le iscrizioni variano da ateneo ad ateneo e da facoltà a facoltà, con un importo medio di 817 euro. Ma i rettori, come spiega il Presidente Crui Enrico Decleva, sono disposti a dar battaglia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

5 tirocini nell'Information Technology

Next Article

Il cocomero, frutto della passione

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).