I sindacati proclamano lo sciopero generale per il 17 maggio

Venerdì 17 maggio 2019 ci sarà uno sciopero generale di tutti i lavoratori del settore scuola, istruzione e ricerca. Ad annunciarlo i sindacati Flc, Cgil, Cisl, Fsur, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Unams, dopo l’incontro tenutosi oggi al Ministero del Lavoro.
I sindacati, a termine della riunione, hanno dichiarato che “non sono emersi elementi che consentano di ritenere concluso positivamente il tentativo di conciliazione. Nessuna risposta di merito è venuta alle richieste avanzate dalle organizzazioni sindacali del comparto istruzione e ricerca, non essendovi stata peraltro la possibilità di procedere ad un approfondito esame delle questioni oggetto della mobilitazione”.
Le cinque organizzazioni sindacali dunque prendono “atto dell’annunciata apertura, a partire da lunedì 8 aprile – data nella quale è previsto l’incontro con il Ministro Bussetti – di un tavolo di confronto al massimo livello politico del Miur, proposta rispetto alla quale affermano piena disponibilità perché rispondente a un’esigenza da tempo rappresentata, ma confermano, in assenza di impegni puntualmente riscontrabili, la volontà di procedere alla proclamazione di iniziative di lotta articolate in astensione dalle attività non obbligatorie”, oltre appunto allo sciopero proclamato per il 17 maggio.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Università di Bologna, al nono posto tra gli atenei più sostenibili del mondo

Next Article

Olimpiadi di Italiano, oggi a Torino la finale nazionale

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.