Rettori del Sud-Est: penalizzati nella distribuzione dei fondi


La lettera aperta.  La versione integrale della lettera che è stata inviata al ministro Francesco Profumo

La protesta di Azione Universitaria. Azione Universitaria: <<Rettori del Sud, basta lagne è ora di lavorare seriamente>> 

Le risorse del Fondo Ordinario per le Università (F.F.O) non sarebbero distribuite in modo equo e trasparente. A sottoscriverlo i Rettori della costituenda Federazione Universitaria del Sud-Est, che in una lettera aperta al ministro Francesco Profumo hanno evidenziato una non omogenea distribuzione geografica dei fondi.

<<Se si suddividono i 54 atenei valutati in due gruppi di pari numerosità, ubicati rispettivamente a nord ed a sud del parallelo passante per Foligno, – scrivono nella lettera – si ottiene la seguente situazione: dei 27 atenei centro-meridionali solo 2 appaiono, peraltro piuttosto marginalmente, “virtuosi”, mentre delle 27 università del centro-nord ben 23 rientrano in questa “fortunata” categoria>>.

Per leggere integralmente la lettera al Ministro Profumo clicca qui

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

CNR, Profumo lascia

Next Article

Lingua italiana per stranieri a Napoli

Related Posts
Leggi di più

Occupazioni e cortei per ricordare Lorenzo: il 28 gennaio manifestazione a Roma contro l’alternanza scuola-lavoro

Studenti di nuovo in piazza per protestare contro i progetti PCTO che a Udine sono costati la vita a Lorenzo Parrelli, morto a 18 anni al suo ultimo giorno di stage in un'azienda di Udine. Venerdì prossimo ci sarà una manifestazione nazionale a Roma mentre a Bologna oggi è stato occupato un liceo scientifico: "Vendetta per Lorenzo".
Leggi di più

Studente muore schiacciato da una trave d’acciaio: era all’ultimo giorno di stage gratuito in azienda

Lorenzo Parelli aveva 18 anni e ieri stava per completare il tirocinio in un'azienda meccanica della provincia di Udine dove viveva. La Procura adesso ha aperto un'inchiesta per ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. La Rete degli studenti medi attacca: "Non si può morire mentre si sta facendo quella che dovrebbe essere un'attività didattica"