I rettori campani: “Città della Scienza non deve morire”

Città della Scienza

“Città della Scienza non deve morire”. E’ questo l’appello lanciato dal Cur (Comitato di Coordinamento per le università campane) in seguito allo spaventoso incendio che, nella scorsa notte, ha distrutto il gioiello napoletano. Pubblichiamo di seguito la lettera con cui i rettori delle Università campane si mobilitano affinchè sia immediatamente costruito un nuovo polo, simbolo della cultura nella terra partenopea.

L’incendio che lunedì notte ha distrutto il migliore Science Centre d’Europa ha lasciato tutti noi sconvolti.

Al dolore segue però la ferma volontà di contribuire a non vedere vanificata un’esperienza che ha, in maniera esemplare, dimostrato al mondo intero come la conoscenza possa essere volano di sviluppo, civiltà e crescita sostenibile.

Se non saranno dimostrate le cause accidentali, Città della Scienza è stata distrutta dallo stesso modello culturale che si è impegnata a sconfiggere e ciò non può essere consentito per l’alto valore simbolico che questo evento rappresenta.

Reagire è necessario, reagire subito è indispensabile.

È stato ferito gravemente uno dei simboli della nostra comunità fondata sul convincimento che la libertà di pensiero e di parola e la capacità dei giovani di governare il proprio destino, possono essere garantiti soltanto dal continuo stimolo della curiosità intellettuale e dalla personale acquisizione dei mezzi per capire un mondo sempre più complesso.

La missione di facilitatore che si era data Città della Scienza era tutto questo e tale dovrà continuare ad essere soprattutto in un territorio socialmente ed economicamente così fragile come il nostro.

Mai come ora è necessario che istituzioni e cittadini diano il proprio contributo per ricostruire la struttura, ripristinarne i servizi e tutelare il corpo dei 160 lavoratori nel più breve tempo possibile.

La forza e l’autorità dei  valori condivisi della nostra comunità si misureranno in questo modo.

 

I rettori

 

Filippo Bencardino

Università degli Studi del Sannio

Lucio D’Alessandro

Università Suor Orsola Benincasa

Massimo Marrelli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Raimondo Pasquino

Università degli Studi di Salerno

Claudio Quintano

Università degli Studi di Napoli “Parthenope”

Francesco Rossi

Seconda Università degli Studi di Napoli

Lida Viganoni

Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Cosenza, gli studenti impegnati nella pulizia del sito archeologico

Next Article

Bankitalia, reddito insufficiente per il 65% delle famiglie

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.