I Maneskin hanno cambiato “Zitti e buoni” per partecipare all’Eurovision

I Maneskin, primo gruppo rock a vincere il Festival di Sanremo, saranno all’Eurovision con una canzone più breve e col testo censurato.

Alla vigilia della kermesse canora nessuno avrebbe scommesso sulla loro vittoria, eppure è accaduto: i Maneskin hanno fatto la storia, considerando quanto è difficile per un gruppo rock imporsi in un Festival come Sanremo. 

Ma per rispettare il regolamento dell’Eurovision Song Contest, i ragazzi che quattro anni fa suonavano sui marciapiedi di via del Corso a Roma hanno dovuto adattare il testo: : innanzitutto ogni canzone in cara non può superare i 180 secondi di durata, quindi sono stati tagliati 13 secondi, visto che Zitti e Buoni era lunga 193 secondi. Ma la “censura” più grossa è stata quella effettuata sul testo, dato che per rientrare nei parametri della competizione i Maneskin hanno dovuto eliminare le due parolacce, “cogl***” e “ca***”. 

Ma è normale, per le regole della competizione: versione più breve, senza “coglioni” e “cazzo”. Ecco tutte le modifiche e la “nuova” canzone

I Maneskin, come vincitori del Festival di Sanremo 2021, parteciperanno di diritto all’Eurovision Song Contest, che si svolgerà a Rotterdam all’Ahoy Arena il 18, 20 e 22 maggio. La band romana “Zitti e buoni”, che per l’occasione è stata modificata, secondo le indicazioni del regolamento della manifestazione.

La “Eurovision version” è più breve, dura 3 minuti contro i 3 minuti e 19 secondi (la durata delle canzoni è uno dei paletti del regolamento) e anche il testo è stato modificato, omettendo le parole “Coglioni” e “Cazzo” (altro paletto: non sono ammesse “parolacce”).

Le modifiche, nel dettaglio, sono state rilevate dal sito Eurofestivalnews

È stata tagliata una parte dell’introduzione, ovvero uno dei due riff

Il verso contenente “Vi conviene toccarvi i coglioni” è stato modificato in “Vi conviene non fare più errori”

Uno dei due riff della transizione verso la seconda strofa è stato eliminato 

La frase “Non sa di che cazzo parla” è stata cambiata, “Non sa di che cosa parla”, come nelle due ripetizioni precedenti

Questa la nuova versione, che sarà quella che la band eseguirà a Rotterdam, direttamente alla finale di sabato (l’Italia è una delle “big 5”, quindi non passa dalle semifinali).

Non è la prima volta che un artista italiano modifica la canzone per partecipare all’Eurovision. Come nota sempre Eurofestivalnews, è successo praticamente a tutte le canzoni italiane in gara negli ultimi anni.

Nel 2017, per esempio, Francesco Gabbani dovette ridurre la canzone di 30″, togliendo una parte della prima strofa e la frase “Piovono gocce di Chanel su corpi asettici…” (altro paletto del regolamento: vietata ogni citazione di marchi commerciali).

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, il Ministro Bianchi lancia il "Patto per l’Istruzione e la Formazione"

Next Article

Presidenza Consiglio dei Ministri: 650 borse di studio per studenti

Related Posts

Unifi, nasce il master in ingegneria legale

Cominciano venerdì 14 gennaio alle ore 9,00 alla Facoltà di Ingegneria le attività del Master di II livello in Ingegneria Legale, attivato per la prima volta dal Dipartimento di Meccanica e Tecnologie Industriali dell'Università di Firenze