“I giovani sono svogliati”, lettera shock di una laureanda di Treviso

Schermata 2013-01-23 a 11.31.12

“I giovani? Sono svogliati, approfittatori e falsi disoccupati”. Fa discutere la lettera pubblicata nella sezione politica di ieri sul quotidiano “Libero”. A scriverla è Giulia G., laureanda della provincia di Treviso.

La ragazza si è scagliata duramente contro tutti qui giovani che peserebbero sulle spalle dello stato come dei “falsi disoccupati”, godendosi la vita grazie all’indennità di disoccupazione.

“Ciò che maggiormente mi sconcerta – scrive la studentessa – è il fatto che molti giovani con cui ho parlato personalmente, proprio in virtù di questa indennità che assicura loro (abbastanza) sicurezza a fronte di fatiche lavorative concentrate in un semestre (salvo trovino datori di lavoro compiacenti…) restano volutamente e coscientemente disoccupati per il resto dell’anno, oziosamente in attesa del trascorre del tempo e di riprendere il lavoro nel corso della successiva stagione estiva”.

Giulia continua la sua arringa: “Vedo molti giovani, svogliati e approfittatori verso un sistema che dà loro troppo, soffocando la determinazione, l’intraprendenza, l’interesse verso il futuro, la responsabilità verso se stessi, l’intera comunità e lo Stato”.

Per concludere l’invettiva finale: “Ci sono falsi invalidi, falsi ciechi, falsi pensionati e… falsi disoccupati… Quale futuro sta costruendo la mia generazione per le generazioni future? Riusciremo mai ad eliminare queste “piaghe” che contraddistinguono il nostro Paese?”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sei un handicappato. Prof di lettere condannata a 280 euro di multa

Next Article

Cina, operai ballano il Gangam style per protestare contro il mancato pagamento

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"