I fuori corso del 3+2

Il “Decimo Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario” parla chiaro: i nostri studenti non reggono il passo.

La laurea sembra in effetti la carota dell’asino sciocco: appesa ad un filo fissato alla schiena del giovane discente, corre innanzi allo studente medio senza farsi acchiappare, spronandolo al contempo nella sua rincorsa affannata tra tempo sprecato, affastellamenti didattici e confusione formativa.
Il “Decimo Rapporto sullo Stato del Sistema Universitario”, pubblicato dal Comitato Nazionale per la Valutazione del Sistema Universitario (CNVSU) parla chiaro: i nostri studenti non reggono il passo. Nel capitolo dedicato agli “indicatori di processo” si legge infatti che “a 7 anni dall’introduzione della riforma, ogni dieci studenti iscritti quattro sono fuori corso”.
Attenzione, perché non basta. Innanzitutto, perché in media il “3”, cioè la laurea di primo livello, in realtà è 4.7. Poi, soprattutto, perché analizzando i dati ordinandoli cronologicamente si vede che la situazione sta addirittura peggiorando. “Dal confronto tra gli anni 2005, 2006, 2007 e 2008 – sempre dal rapporto CNVSU – si evidenzia la flessione sia della proporzione dei laureati in corso (35.6% nel 2005, 30.3% nel 2006, 29.9% nel 2007 fino al 26.8% del 2008), sia di quelli che hanno conseguito il titolo un anno oltre la durata normale del corso (nel 2008 sono stati il 10.4% in meno rispetto al 2005)”.
Non basta ancora, c’è pure dell’altro. Perché la riforma ha esploso l’offerta formativa. Dal 2000 ad oggi, infatti, i corsi sono passati da 3.234 a 5.835. Si dirà: sono le lauree specialistiche, inventate (quasi) ex-novo dal 3+2. È vero. Solo in parte, però. Tra l’altro, una parte marginale. Perché se si considerano soltanto i corsi aperti a nuova immatricolazione, se nell’a.a. 2000/2001 erano 2.444, nel 2007/2008 sono diventati 3.436 (+40%!). Non basta nemmeno ora, ce n’è ancora e ancora.
Confronto con l’Europa.Il 2008 è stato anche l’annus horribilis per numero di laureati, scesi per la prima volta dopo tre anni sotto la soglia dei 300mila: “sono 293.084 – ancora, fonte CNSVU – coloro che nel 2008 hanno conseguito il titolo di studio triennale, la laurea specialistica o un titolo del vecchio ordinamento; la diminuzione è di 7.051 laureati rispetto all’anno precedente”. Il che ci sprofonda ancora più in giù nella graduatoria dell’Europa a 27 per numero di giovani laureati. Tra i 25 e i 34 anni, infatti, soltanto 19 italiani su 100 hanno un diploma di laurea.
Tanto per capire: la media europea si aggira intorno al 30%, ma ci sono paesi come Francia, Spagna, Danimarca, Svezia e Regno Unito che veleggiano ben oltre il 40%. Peggio di noi, tra i 27, soltanto Repubblica Ceca, Slovacchia e Romania. Insomma, è chiaro: l’effetto-riforma si è fermato. E il nostro sistema universitario si è ritrovato sul groppone un fardello peso quanto 800mila studenti fuori corso. Un fardello, secondo stime 2008 del MIUR, calcolabile in circa 5 miliardi di euro l’anno. Un fardello, tra l’altro, non omogeneo. Gli studenti con un curriculum universitario cronologicamente regolare sono l’83.1% nelle facoltà di Medicina e Chirurgia, il 77.1% a Farmacia, il 76% ad Architettura. Le facoltà che invece “durano di più” sono principalmente Ingegneria, Psicologia, Lettere e Filosofia e Scienze Politiche.
La “difficoltà sulla carta” non conta, quindi, e neppure l’area tematica. Tanto meno la residenza geografica. Se infatti l’Ateneo con più ritardatari è quello del Sannio (Benevento), dove (dati MIUR) nel 2006/2007 era fuori corso il 47.9% degli studenti, nel novero degli atenei con più bassa percentuale di irregolari si trova, ad esempio, l’Università della Sicilia Centrale Kore di Enna (con un modestissimo 9.2%, su 3500 iscritti). Insomma, concludendo: il 3+2 è nel baratro. Cosa serve? Risposta spontanea: “una riforma della riforma!”. Ottima idea. Ops: sarebbe la 4° in dieci anni…
Simone Ballocci

Total
0
Shares
1 comment
Lascia un commento
Previous Article

Da che parte sto?

Next Article

Traduttori al Parlamento Europeo

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.