Ho scelto Sociologia perché…

Testimonianze dei laureandi che hanno già scelto il loro percorso formativo, un input per orientarvi alla scelta universitaria.

Il Corriere dell’Università raccoglie e propone le testimonianze di studenti che hanno già fatto la loro scelta universitaria, un input per orientarvi attraverso esperienze e racconti “variopinti”, che si proiettano al futuro.

Roberta Cassandro
laurenda in Sociologia
“Iscrivermi alla facoltà di Sociologia è stata una piacevole sorpresa perché durante i miei studi ho ritrovato materie attinenti alle più svariate discipline che mi hanno permesso di acquisire una conoscenza, seppur non ancora specialistica, di ampio respiro. Ho imparato ad osservare le situazioni, anche quelle quotidiane e magari più banali, con occhi diversi e a pormi domande che prima non mi sarei mai posta. Raccogliere, analizzare e interpretare in modo critico dati di diversa provenienza, mi ha permesso di condurre i miei studi verso l’ambito sociale in una maniera del tutto personale, cambiando inoltre la mia prospettiva di pensiero. È davvero interessate comprendere i diversi meccanismi che mi circondano e che si ripetono nella storia e nel tempo”.
Tiziana Petruzzelli

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ho scelto Sociologia perché...

Next Article

Tor Vergata, Ingegneria contro il ddl

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.