Guida alla Scelta – Lingue Insegnanti, interpreti e diplomatici

lingue.pngFacoltà per facoltà, una panoramica sul “futuro che ti aspetta”: un utile vademecum per affrontare al meglio la scelta del percorso universitario. Nella nostra Guida in edicola troverete inoltre: tutti i corsi di laurea, le città dove studiare, gli obiettivi formativi, gli sbocchi occupazionali e i profili preferiti dalle aziende.
Con la globalizzazione e l’integrazione europea che fanno dei confini linguistici nazionali una barriera da superare molto spesso in qualsiasi ambito lavorativo, i laureati in Lingue divengono preziosissimi mediatori linguistici per qualsiasi imprenditore, ente o azienda che abbia bisogno di entrare in contatto con l’estero.
Infine, possono lavorare nelle rappresentanze diplomatiche di tutto il mondo (il che, con il federalismo e l’autorappresentanza anche dei livelli istituzionali intermedi a livello internazionale può senz’altro diventare un ambito di particolare rilievo occupazionale) e in enti operanti in ambiti multiculturali, come le Ong (di cui il nostro paese è convinto patrocinatore).
Il principale bacino di sbocco per i laureati in materie linguistiche però, secondo l’ultima indagine Almalaurea, resta l’ambito scolastico: il 32% trova lavoro nell’istruzione, contro una media del 15% fra tutti i laureati italiani. L’industria, dal canto suo, viene subito dopo, con un bel 20%, rispetto alla media dei laureati in Lettere.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage al Comune, Rieti offre 20 borse di studio

Next Article

Farnesina, il decalogo delle vacanze perfette

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".