Guida alla Scelta – Dams I professionisti "dietro le quinte"

dams.pngFacoltà per facoltà, una panoramica sul “futuro che ti aspetta”: un utile vademecum per affrontare al meglio la scelta del percorso universitario. Nella nostra Guida in edicola troverete inoltre: tutti i corsi di laurea, le città dove studiare, gli obiettivi formativi, gli sbocchi occupazionali e i profili preferiti dalle aziende.
La maggior parte delle statistiche non presenta il settore come molto promettente dal punto di vista occupazionale: quest’area di studi, soprattutto se messa a confronto con gli indirizzi scientifici considerati, spesso molto banalmente, più pratici, sembra poco competitiva.
In realtà chi studia al Dams ha una preparazione tecnica e culturale negli ambiti della cultura difficilmente rimpiazzabile da un laureato in altri ambiti, soprattutto se parliamo di contesti come Festival, fiere, rubriche culturali, e produzione di testi per il web o cartacei.
L’area di studi, infatti, con la sua varietà di settori e di specializzazioni offre al mondo del lavoro dei laureati flessibili e di grande duttilità in tutti i campi dell’editoria e della cultura. La diffusione di discipline come la musica e la danza, che negli ultimi tempi stanno conquistando non solo i teatri ma anche il mondo televisivo contribuisce a creare profili sempre nuovi in questi campi, ovvero operatori culturali in grado di passare dal teatro alla televisione al web senza problemi e che permette agli studenti in uscita dal Dams di reinventarsi sotto molteplici profili occupazionali sempre più sfaccettati, approfonditi e diversificati.
Per chi si specializza nel settore delle arti visive gli sbocchi professionali possono trovarsi anche nel mondo della grafica, del sociale e del patrimonio culturale. Gli studenti avranno conseguito delle competenze specifiche ma al tempo stesso trasversali e versatili che gli permetteranno di lavorare nel mondo della progettazione, realizzazione e promozione di eventi culturali nell’ambito delle arti visive, dello spettacolo dal vivo; critica e divulgazione dei linguaggi artistici; documentazione e conservazione dei beni artistici; animazione ai linguaggi artistici nella scuola e nel sociale; ricerca teorica e artistica. Chi ha scelto il curriculum nel campo del cinema e della televisione non sottovaluti tutte le posizioni all’interno di trasmissioni, broadcast, redazioni radio-televisive e, infine, web tv.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Unibas, laureati ad alto gradimento

Next Article

Esperti in Chimica, 6 mesi a Milano

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.