Unibas, laureati ad alto gradimento

laureati1.jpgUna riforma universitaria, quella del 3+2, fatta di luci e ombre. Più luci che ombre nell’Università della Basilicata dove quasi il 45% dei laureati di primo livello ha svolto tirocini e stage, e ben l’11,5% ha avuto esperienze di studio all’estero (il 10% con Erasmus). Una performance positiva, visto che la media nazionale è del 10,5%, che premia riforma e università.
È quanto emerge dal profilo dei laureati 2008, relativo agli studenti dell’Ateneo della Basilicata, che la Regione ha estrapolato dal rapporto di AlmaLaurea presentato nei mesi scorsi, in cui viene tracciato il Profilo dei laureati 2008. Ad essere coinvolti nell’indagine sono stati 448 laureati di primo livello e 145 nei percorsi specialistici biennali.
Ben l’84% dei laureati dell’Università della Basilicata si dichiara complessivamente soddisfatto del corso di studi, il 39% lo è «decisamente», e il 57% si iscriverebbe di nuovo all’Università e allo corso dell’Ateneo. Una percentuale che aumenta considerando anche i laureati che si riscriverebbero all’Università della Basilicata, ma cambiando corso (9%).
Il traguardo della laurea è raggiunto in media a 25,9 anni, poco prima di quanto non avvenga nel complesso dei laureati di primo livello. La media nazionale, infatti, è di 26 anni. Il dato comunque risente dell’età all’immatricolazione dei laureati che è cresciuta con l’introduzione della riforma. Nel 2008 il 15% dei laureati di primo livello dell’Università della Basilicata si è iscritto all’università con due o più anni di ritardo rispetto all’età canonica di 19 anni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

20 consulenti assicurativi nella capitale

Next Article

Guida alla Scelta - Dams I professionisti "dietro le quinte"

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"