Graphic design, nuovo successo in Accademia

Concluso da poco con una mostra espositiva, il primo corso di graphic design dell’Accademia di Belle Arti di Napoli

Concluso da poco con una mostra espositiva, il primo corso di graphic design dell’Accademia di Belle Arti di Napoli si è rivelato un successo per docenti e studenti.

Suddiviso in tre anni di progettazione più una specialistica in sperimentazione creativa, intende formare dei professionisti di ampia gamma, dal cartaceo al web. La docente del corso, la prof.ssa Enrica D’Aguanno, si è detta soddisfatta a nome dell’Accademia per questa prima esperienza. “Abbiamo raccolto ottimi risultati e vivo interesse da parte degli studenti. La preparazione che offriamo loro spazia dalle materie classiche alla computer grafica ma anche illustrazione digitale e art direction”.

Il corso, che vedrà per il prossimo anno l’accesso a numero programmato, si costituirà di un dato particolare: “Ogni anno terremo un evento di chiusura con un tema centrale – ha spiegato la docente – dove i ragazzi avranno la possibilità di esporre i propri elaborati. Non potrebbe essere diversamente, d’altronde questo settore rientra nella comunicazione pubblicitaria e multimediale quindi è importante offrire ai giovani un’opportunità di confronto diretto”.

D’Aguanno, volendo fermamente sottolineare la valenza formativa del corso ha concluso: “Questo percorso non è assolutamente da considerarsi tecnico, c’è una base culturale imponente, da livello universitario come tutti i corsi dell’Accademia”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Alta formazione: arrivano i voucher

Next Article

Lettera al Sindaco di Napoli firmata Rete29aprile

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"