Governo Meloni, scuola e università tornano divise: ipotesi Casellati alla guida del MUR

Secondo gli ultimi rumors ci sarebbe l’ex presidente del Senato in pole per guidare il Ministero dell’Università e della Ricerca. Per quello dell’Istruzione, invece, la candidatura di Anna Maria Bernini sembra essere sempre più probabile.
La Sen. Maria Elisabetta Alberti Casellati, Presidente del Senato della Repubblica, al termine del colloquio con il Presidente Sergio Mattarella. (foto di Francesco Ammendola – Ufficio per la Stampa e la Comunicazione della Presidenza della Repubblica)

La settimana dovrebbe essere quella giusta ma le caselle da riempire restano ancora tante, forse troppe alcune delle quali riguardano proprio il mondo della scuola, dell’università e della ricerca. Dovrebbe arrivare a stretto giro la nascita del primo governo targato Giorgia Meloni dopo la vittoria nelle elezioni dello scorso 25 settembre.

Secondo le ultime indiscrezioni i tentativi di accordo tra i vertici di Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia dovrebbero portare confermare la divisione in due ministeri per scuola e università e a guidarli sarebbero due donne, entrambe espressione del partito di Silvio Berlusconi.

Alla scuola, come già anticipato nei giorni scorsi, dovrebbe finire l’ex capogruppo alla Camera di Forza Italia, Anna Maria Bernini, mentre alla guida del MUR potrebbe trovare spazio Maria Elisabetta Alberti Casellati, ex presidente del Senato e sempre accanto al Cavaliere in questi primi giorni di inizio legislatura.

In questo modo Forza Italia otterrebbe due posti di prestigio a cui si andrebbero ad aggiungere, secondo gli ultimi rumors, quelli occupati da Tajani (Esteri) e Gasparri (Pubblica Amministrazione) facendo salire a quattro i dicasteri ottenuti da Berlusconi. Forse un po’ troppi per un partito che soltanto qualche giorno fa ha fatto mancare il suo appoggio in Senato per l’elezione a presidente di Ignazio La Russa.

LEGGI ANCHE:

Total
10
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Covid, Vaia: "Si a ventilazione meccanica". E intanto le Regioni bocciano le direttive ministeriali

Next Article

Genova, esami truccati all'università: "Solo chi pagava tanto entrava nel sistema"

Related Posts
Leggi di più

Regalo di Natale al ministro Valditara: 500mila euro in più per il suo staff grazie ai tagli alla didattica

Un emendamento presentato dall'ex sottosegretario Rossano Sasso stanzia ulteriori 480mila euro per consulenti e collaboratori del Ministero dell'Istruzione. Soldi che verranno prelevati dal fondo per la didattica previsto dalla legge sulla Buona Scuola del 2015. Le opposizioni gridano allo scandalo ma da Viale Trastevere provano a gettare acqua sul fuoco: "Spese in linea con gli anni precedenti".