Google Lavora con noi: posizioni aperte, come candidarsi

Il colosso informatico di Mountain View seleziona personale per assunzioni e stage in Italia. Di seguito vi presentiamo le posizioni aperte e come candidarsi alle offerte di lavoro Google. Vi diamo anche informazioni e consigli utili sull’azienda e le opportunità di carriera.
Periodicamente Google seleziona personale per assunzioni in Italia. Generalmente, le offerte di lavoro Google sono rivolte a candidati a vari livelli di carriera. Si cercano figure junior, principalmente laureati, oppure figure senior che abbiano già maturato esperienze. Ci sono opportunità anche per i giovani senza esperienza che vengono inseriti in azienda attraverso appositi programmi di tirocinio. I candidati selezionati vengono inseriti, solitamente, nelle aree Amministrazione, Business Strategy, IT & Data Management, Marketing e Comunicazione, User Experience & Design, Vendite, Finanza e Legale, in ambito tecnico e in altri settori.
In questo periodo il Gruppo è alla ricerca di vari profili per assunzioni in Lombardia, presso la sede di Milano. C’è anche un’opportunità di lavoro nel Lazio a Roma. Ai candidati si richiedono competenze informatiche specifiche per il ruolo e la conoscenza della lingua inglese.
Ecco un breve elenco delle figure ricercate al momento, per le quali è possibile candidarsi:
Retail Partner Manager, Chrome OS – Milano;
Customer Success Regional Lead, Google Cloud, Southern Europe – Milano;
Program Manager, Professional Services, Google Cloud – Milano;
Field Sales Representative – Milano, Roma;
Industry Manager, Export, Retail and CPG – Milano;
Customer Success Manager, Google Cloud – Milano;
Partner Sales Manager, SMB, Google Cloud – Milano;
Sales Engineer, VM Migration, Google Cloud – Milano;
Customer Engineering Manager, Google Cloud – Milano;
Sales Engineer, Data Management, Google Cloud Platform – Milano;
Cloud Consultant, Professional Services, Google Cloud – Milano.
Google periodicamente cerca giovani da inserire in un programma di stage internazionale (Business Internship), che si svolge presso vari Paesi, anche in Italia. I tirocinanti vengono inseriti in diverse aree aziendali, ad esempio GMS Sales and Operations, Large Customer Sales, Google Cloud eMarketing. I percorsi di formazione e lavoro hanno una durata variabile, da un minimo di 10 settimane ad un massimo di 6 mesi, a seconda della posizione. Oltre alla sede di Milano vengono attivati anche presso varie sedi estere. Quali sono i requisiti richiesti? Gli stagisti devono essere studenti di un corso di Laurea o Master e mantenere tale status per l’intera durata del tirocinio. E’ gradito, ma non è indispensabile, il possesso di precedenti esperienze di stage in settori di interesse per quelli di inserimento. Le candidature per i Business Internship vengono aperte periodicamente in modo stagionale (es. Winter Business Intern, Spring – Summer Business Intern). In pratica i programmi di tirocinio Google vengono attivati costantemente. Non preoccupatevi quindi se non fate in tempo a candidarvi al programma di intership in corso, perchè a distanza di breve tempo sarà attivato un nuovo ciclo di tirocinio. Il nostro consiglio è quello di monitorare la sezione dedicata alle posizioni aperte in Google (a fine pagina trovate il link) dove vengono pubblicate anche queste opportunità.
Google è sempre interessata ad inserire giovani talenti. Per questo offre a studenti e laureati appositi programmi di inserimento e stage, oltre a borse di studio. Si va da programmi estivi per gli studenti pre universitari a residenze per laureati che desiderano sviluppare la loro esperienza, a vari finanziamenti e premi.
Generalmente, le assunzioni in Google vengono effettuate prevalentemente nelle seguenti aree:
– Google Cloud;
– Engineering & Technology;
– Sales, Service & Support;
– Marketing & Communications;
– Design;
– Business Strategy;
– Finance;
– Legal;
– People;
– Facilities.
Le selezioni Google sono articolate in diverse fasi. Generalmente comprendono la valutazione della candidatura inviata e i colloqui, che possono svolgersi telefonicamente, in videoconferenza o in presenza. Le interviste a distanza possono durare da 30 a 60 minuti, mentre, in media, quelle on site vanno dai 30 ai 45 minuti.
Gli interessati alle future assunzioni Google e alle opportunità di lavoro attive possono visitare la pagina dedicata alle posizioni aperte del Gruppo, Google “Lavora con noi”. Dalla stessa è possibile prendere visione delle selezioni in corso e candidarsi online a quelle di interesse, inviando il cv tramite l’apposito form. Per visionare le offerte di lavoro attive in Italia è sufficiente selezionare Italy nell’elenco dei paesi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

DANTE 2021, FRANCESCHINI E DEL FANTE PRESENTANO L’INIZIATIVA DI POSTE ITALIANE PER I SETTECENTO ANNI

Next Article

Coca Cola Lavora con noi: posizioni aperte, come candidarsi

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.