“Gold Metale” a Rino Esposito per aver migliorato la risonanza magnetica nucleare

Rino Esposito

Gold Metal a Rino Esposito Professore di Biofisica al dipartimento di Scienze mediche e biologiche, a Rino Esposito il  riconoscimento del Gruppo italiano di risonanza magnetica  e del Gruppo italiano di discussione magnetica nucleare

Per l’eccellenza del suo contributo nella ricerca e nella didattica nel settore della Risonanza magnetica nucleare, Rino Esposito, professore di Biofisica dell’Università di Udine, è stato insignito della ‘Gold medal’ dal Gruppo italiano di risonanza magnetica e dal Gruppo italiano di discussione magnetica nucleare.

 

Esposito è stato premiato per il suo contributo determinante in diversi aspetti teorici e pratici della Risonanza magnetica nucleare applicati alle scienze della vita e per la sua attività di insegnamento in numerose scuole specialistiche. Gli studi di Esposito si concentrano, in particolare, nelle proteine amiloidogeniche, quali quelle coinvolte nei morbi di Alzheimer e Parkinson, ottenendo risultati di rilievo internazionale.

 

La medaglia d’oro viene assegnata ogni anno a uno scienziato italiano per l’eccellenza del suo contributo scientifico nel settore della risonanza magnetica nucleare. Il riconoscimento è stato consegnato al professor Esposito durante il congresso congiunto delle Società di risonanza magnetica tedesca, italiana e slovena tenutosi recentemente a Frauenchiemsee (Germania).

 

Rino Esposito si è avvicinato alla Risonanza magnetica nucleare durante la sua tesi laurea, alla fine degli anni Settanta. Da allora ha sviluppato e applicato nuove metodologie lavorando prima all’Eniricerche e poi, in ambito accademico, in laboratori italiani, in primis il Laboratorio di Biofisica del dipartimento di Scienze mediche e biologiche dell’Ateneo friulano, ed esteri. Ha trascorso periodi di lavoro a Grenoble (Francia), Londra e Oxford (Regno Unito), Losanna (Svizzera) e, più recentemente, a Osaka (Giappone), dove è stato invitato dal professor Yuji Goto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

30 ottobre: Aung San Suu Kyi all'Alma Mater di Bologna per una laurea honoris causa

Next Article

La funzione del sonno

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.