Gli Istituti di lingua incontrano la città

Anche quest’anno i quattro Istituti di lingua e cultura stranieri a Napoli hanno organizzato la giornata “Porte Aperte”: 28 settembre.

Anche quest’anno gli Istituti di lingua e cultura stranieri a Napoli hanno organizzato la giornata “Porte Aperte”.

British Council, Goethe Institute, Grenoble, Cervantes, sono gli unici enti ufficiali a Napoli per il rilascio della certificazione riconosciuta a livello internazionale.

Il 28 settembre, a partire dalle ore 10,00 e per tutta la giornata, sarà possibile visitare gli istituti, svolgere gratuitamente il test di livello di conoscenza linguistico e … anche gustare un piccolo assaggio delle specialità tipiche inglesi, tedesche, francesi e spagnole.

British Council: Via Morghen 36 e 31
Goethe Institut: Riviera di Chiaia 202
Grenoble: Via F. Crispi, 86
Instituto Cervantes: via Nazario Sauro, 23

Total
0
Shares
1 comment
  1. Salve siamo docenti di inglese e francese di un istituto secondario primo grado torre annunziata (NA) siamo interessate nel portare i nostri ragazzi nella giornata porte aperte per cui saremmo grati se lei ci inviasse informazioni a riguardo Grazie

Lascia un commento
Previous Article

Musica. Terapia per la depressione

Next Article

Memoria, ecco come ricordiamo

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".