Memoria, ecco come ricordiamo

Neuroscienziati dell’Università di New York hanno identificato le parti del cervello che utilizziamo per ricordare la tempistica dei vari eventi all’interno di un unico episodio. In pratica, le varie tappe temporali che formano un ricordo complesso. Lo studio, che appare sull’ultimo numero di ‘Science’, aumenta la nostra comprensione sulla produzione dei ricordi e fornisce una sorta di tabella di marcia per affrontare i problemi di memoria.

Precedenti ricerche hanno dimostrato l’importanza del lobo temporale mediale del cervello nella memoria dichiarativa (o esplicita), che riguarda le informazioni che vengono richiamate consciamente, cioè il ricordo di fatti ed episodi. Tanto che un danno localizzato in quest’area compromette la capacità di rievocare correttamente la tempistica degli eventi. La memoria dichiarativa, ricordano i ricercatori, e’ alterata nei pazienti affetti da malattia di Alzheimer. Tuttavia si sapeva ancora poco su come singoli strutture all’interno del lobo temporale mediale fissassero le informazioni su “cosa e’ successo e quando” all’interno di un episodio particolare: dalla successione dei brindisi a un pranzo di matrimonio, alle azioni che hanno preceduto un gol in una partita.

Ora i ricercatori della New York University, Yuji Naya e Wendy Suzuki, sono riusciti a svelare i segreti della ‘scatola dei ricordi’. Per il loro studio, i neuroscienziati hanno sottoposto alcuni animalia una serie di esercizi mirati, monitorando nel corso dei test l’attività delle cellule cerebrali dell’area nel mirino.

Così si e’ visto che, in particolare, sono due le zone principali del lobo temporale mediale coinvolte nella memorizzazione del ‘cosa’ e del ‘quando’: l’ippocampo e la corteccia peririnale. Il primo, importante in una varietà di compiti di memoria, in questo caso in pratica fa da timer: da’ informazioni sul passare del tempo da un evento all’altro. La corteccia peririnale integra le informazioni su cosa e quando, segnalando se un elemento particolare e’ avvenuto prima o dopo un altro della serie.
Fonte:Adnkronos

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Gli Istituti di lingua incontrano la città

Next Article

Immobili sicuri

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.