Musica. Terapia per la depressione

Combinata con la terapia standard, la musicoterapia si rivela un trattamento efficace contro la depressione. Almeno nell’immediato. E’ quanto emerge da uno studio pubblicato sul British Journal of Psychiatry da un team di ricercatori dell’Universita’ di Jyvaskyla, in Finlandia.

I due responsabili del gruppo di ricerca, Jaakko Erkkila e Christian Gold, insieme ai loro colleghi, hanno reclutato 79 persone, tutte residenti in Finlandia e in eta’ lavorativa (da 18 a 50 anni), cui era stata diagnosticata la depressione secondo i parametri del Classification of Mental and Behavioural Disorders. Ad alcuni partecipanti (33 persone) sono state casualmente assegnate venti sessioni di musicoterapia individuale di 60 minuti ognuna, in aggiunta alle cure standard, ad altri (46 persone) sono invece state assegnate solo delle terapie standard.

In Finlandia la cura standard per la depressione comprende farmaci antidepressivi, 5 o 6 sedute di psicoterapia individuale e la consulenza psichiatrica. Due volte a settimana, con l’aiuto dei musicoterapisti, i partecipanti al gruppo di intervento hanno imparato a improvvisare musica usando uno strumento a percussione o una chitarra acustica.

I ricercatori hanno valutato clinicamente tutti i partecipanti ogni tre mesi, scoprendo che dopo i primi tre mesi i partecipanti alle sessioni di musicoterapia hanno mostrato un miglioramento piu’ marcato rispetto a quelli che ricevono solo cure standard, con indici di miglioramento soprattutto in tratti come la confidenza e l’ansia.

Tuttavia, dopo 6 mesi, nonostante i miglioramenti fossero ancora evidenti, le differenze tra i gruppi non sono risultate piu’ statisticamente significative. “La musicoterapia individuale associata con le cure standard – hanno osservato i ricercatori finlandesi – e’ efficace per la depressione tra le persone in eta’ lavorativa affette da depressione. Si tratta di uno strumento prezioso in vista dei futuri trattamenti”. “La musicoterapia – hanno concluso – presenta qualita’ specifiche che permettono alle persone di esprimersi e interagire in un modo non verbale”.

Fonte AGI

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Contro le stragi del sabato sera arriva “Guido con prudenza”

Next Article

Gli Istituti di lingua incontrano la città

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".