Giuri UNISOB: 150 posti

Ancora qualche giorno per presentare la domanda di iscrizione alla Facoltà di Giurisprudenza del Suor Orsola, il giorno 14 la prova

C’è ancora tempo fino a venerdì 10 settembre per poter presentare la domanda di iscrizione e selezione alla prestigiosa Facoltà di Giurisprudenza del Suor Orsola Benincasa di Napoli.
La facoltà, diretta dal Preside Franco Fichera, è l’unica nel Mezzogiorno (in quest’ambito) ad avere il numero programmato oltre che essere l’unica in tutta Italia con uno specifico ufficio di Job Placement. Sono 150 i posti disponibili che, come ha spiegato il Preside Fichera, consentono un migliore lavoro di affiancamento degli studenti e riducono notevolmente la percentuale di fuoricorso.
“Accanto alla classica lezione si dà un ampio spazio allo studio dei casi, al commento delle sentenze, alle prove scritte, alle simulazioni di processo, perché è solo così che si impara a mettere in opera i saperi giuridici, a ragionare, a risolvere i problemi che è quanto il giurista dovrà fare nella vita professionale” ha spiegato il Preside Fichera.
Nel dettaglio la Laurea Magistrale in Giurisprudenza prevede un triennio in cui vengono affrontate le materie di base del diritto ed un biennio specialistico, sta poi allo studente scegliere se orientarsi verso l’indirizzo forense oppure quello amministrativo. Inoltre, durante il percorso dal primo al quarto anno, ogni studente acquisirà competenze di inglese giuridico per un migliore inserimento nel mondo del lavoro.
I test di selezione si terranno presso i locali dell’ateneo in data 14 settembre. Per ulteriori informazioni visitare il sito.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lo studente errante alla ricerca del sé professionale

Next Article

Luiss, crescono le domande di ammissione

Related Posts
Leggi di più

Intervista al nuovo rettore di Bergamo Sergio Cavalieri: “Open campus per far riscoprire agli studenti l’Università”

Sul Pnrr: "Uscire da logiche campanilistiche. Si ai consorzi con altre università e imprese ma superare le conflittualità con progetti condivisi". E sugli obiettivi dei dipartimenti: "Le strategie d'ateneo vanno discusse all'interno dell'università e in contrattazione con il ministero e poi si definiscono gli obiettivi da intraprendere"