Giovani, il tallone d’Achille è la “pratica”

giovani

Giovani: preparatissimi, ma solo sui libri – Pubblicati i risultati dell’indagine “Idee e proposte per la competitività sistema Italia”, promossa dal Censis e dall’Osservatorio sulle medie imprese dei Cavalieri del lavoro.

I nostri giovani sono preparatissimi per quanto riguarda nozionistica e capacità creative, di analisi e di pensiero. Su questo campo il confronto con i pari età stranieri è a tutto vantaggio dei ragazzi italiani.

Tuttavia quando si viene all’atto pratico, i capitani d’impresa intervistati per l’indagine segnalano che sono proprio i giovani di altri paesi ad avere una marcia in più.

Per questo i dirigenti d’azienda intervistati chiedono a gran voce l’inserimento di tirocini formativi nei percorsi curriculari, ma anche incentivi per l’assunzione degli under 35.

https://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2013/10/04SIK5043.PDF

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Riparte lo sport a Roma Tre: appuntamento per tutti il 9 ottobre

Next Article

Canada: cervelli cercasi

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.