'Giovani al voto', ospiti l'onorevole Giuseppe Civati di Liberi e Uguali e gli studenti del liceo Pasolini di Potenza

https://www.facebook.com/CorriereUniv/videos/1815391785158027/
Civati: “campagna elettorale dai toni esasperati, quasi a volere appositamente una confusione nell’elettore. Invito a guardare bene le proposte dei partiti e compiere un voto libero e sincero”
Civati: “l’obiettivo del nostro programma è investire su , e , secondo il principio della progressività fiscale che possa finanziare progetti di sviluppo”
Civati: “della non apprezziamo molti aspetti: occorre valorizzare il ruolo degli insegnanti e della collegialità. L’autonomia scolastica è prioritaria rispetto ad ogni aziendalismo”
Civati: “: sono a favore ma solo se riformulata, affinchè diventi più mirata e credibile”
Civati: “Il grande piano verde prevede un’opera di riconversione ecologica, per usare meno energia ma al meglio. Abbiamo poche risorse e le fonti rinnovabili aiutano a ridurre l’impatto ambientale e creare lavoro”
Civati: “il Sud è stato penalizzato in termini di investimenti e il condizionamento della corruzione ha chiuso gli occhi su molti aspetti. Occorre parlarne perchè non sono temi trascurabili”
Civati: “le balle elettorali si somigliano tutte: non hanno nessuna copertura. Il , ad esempio, rispetto alla loro campagna più strong, ha nominato un Ministro all’Economia che invece è molto più cauto”
Civati: “Noi per scaramanzia prefriamo far vedere i nostri capilista che la squadra di governo. Proposta legittima ma irreale”. @civati #elezioni2018 #giovanialvoto 
Civati: “Chiaro che la questione di salari a 3-4 euro all’ora non è sostenibile: chi lavora non deve essere povero ma essere sostenuto economicamente, alleggerente fiscalmente la tassazione con un valore aggiunto più strutturato degli 80 euro”.
Prof.ssa Comodo, liceo Pasolini di : “redistribuire la ricchezza è difficile a causa dell’evasione, che rappresenta il problema vero. Se non si strutturano sistemi di riscossione più efficaci diventa tutto inutile”
Civati: “bisogna dare al una riforma sul voto disgiunto, per creare un sistema in cui gli italiani siano più liberi e consapevoli”
Civati: “le famiglie arcobaleno devono essere riconosciute perchè in tutta Europa è già così e quindi occorre parlare serenamente di questo tipo di genitorialità”
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di giovedì 1 marzo

Next Article

'Giovani al voto', Civati su 5 Stelle: "A dispetto di una campagna strong propongono ministro del Tesoro cauto su euro e Fornero"

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).