Giornata della memoria: le iniziative nelle scuole e nelle università

La Giornata della memoria è stata istituita per ricordare lo sterminio nazista degli ebrei. Viene celebrata ogni anno il 27 gennaio, giorno della liberazione dei campi di Auschwitz. Ogni anno il ricordo di quella tragedia della storia viene celebrato con mostre, incontri, proiezioni e dibattiti. Ecco le iniziative principali organizzate finora in Italia, nei luoghi della cultura, nelle scuole e nelle piazze.
ROMA
 – 25 gennaio. Proiezione della versione restaurata del film Il grande dittatore presso il cinema Massimo. Ore 10, prenotazione obbligatoria. Costo del biglietto: 5€.
–  25 gennaio. Concerto Coro Musa, Coro Blues, Musa Classica. Palazzo del Rettorato alla Sapienza di Roma, Sala MuSa. Ore 19:00
 – 26 gennaio. Aula Magna IIS “Leonardo da Vinci” Maccarese – Fiumicino (RM) dalle 9:10 alle 11:15: Le candele della memoria incontro sulla Shoah con Hora Aboaf.
MILANO
 – 25 gennaio. Società Umanitaria, ore 17: proiezione del film documentario Alla ricerca delle radici del Male, promossa dalla Fondazione CDEC, Gariwo e il Memoriale della Shoah di Milano.
 – 27 gennaio. Ore 20, Conservatorio di Musica Giuseppe Verdi di Milano: evento musicale  Destinatario Sconosciuto, promosso dall’Associazione Figli della Shoah insieme alla Comunità Ebraica di Milano, la Fondazione CDEC, Gariwo e il Memoriale della Shoah di Milano.
 – 27 gennaio. Auditorium G. Di Vittorio della Camera del Lavoro di Milano, ore 17.30: Concerto di Gaetano Liguori Musica per i Giusti, organizzato da Gariwo
VENEZIA
– 22 gennaio. Continua la deposizione delle pietre d’inciampo in memoria dei cittadini veneziani deportati nei campi di sterminio nazisti, già iniziata negli scorsi anni: quest’anno è previsto che siano 18, raggiungendo le 72 pietre totali. Per la prima volta ne verranno deposte 4 al Lido di Venezia, una collettiva all’Ospedale Civile di Venezia e quella all’Università di Ca’ Foscari, a testimoniare non la residenza, ma il luogo in cui la persona deportata lavorava.
 – 26 gennaio. Liceo Guggenheim, proiezione del film Il canto sospeso di Luigi Nono, con letture da parte degli studenti.
 – 28 gennaio. Teatro Goldoni, ore 11. Cerimonia cittadina. Intervengono il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, il presidente della Comunità ebraica di Venezia Paolo Gnignati e Matteo Corradini, con il reading musicale Tua Anne. Parole e voci di Annelies Marie Frank.
FIRENZE
 
 – 26 gennaio. Biblioteca degli Uffizi, 9-13. Mattinata di studio dedicata a Carlo Levi
FOLIGNO
 – 26 gennaio. Politeama Clarici, ore 9: gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado eseguiranno una performance tema della Shoah e delle vittime delle persecuzioni. Seguirà la proiezione di Storia di una ladra di libri di Brian Percival.
FERRARA
Al MEIS viene inaugurata l’installazione Con gli occhi degli ebrei italianiche indaga in tono divulgativo il ruolo dei pregiudizi, l’origine della discriminazione, il controverso legame con la Chiesa cattolica, i grandi spostamenti del popolo ebraico, il significato del ghetto, la partecipazione degli ebrei italiani a momenti cruciali della vita nazionale, le pagine di convivenza felice e quelle più drammatiche.
PIACENZA
 – 25 gennaio alle 9.30. Il seminario “Nonostante tutto dire sì alla vita. Perché Auschwitz non ha ucciso la speranza”, promosso dalla facoltà di Scienze della formazione (Università Cattolica)– corso di laurea in Scienze dell’educazione e della formazione, sarà introdotto dalla coordinatrice Carla Ghizzoni. Lel centro congressi “G. Mazzocchi” di via Emilia Parmense.
VERONA
Ciclo di appuntamenti dell’Università di Verona:
23 gennaio – ore 12
Biblioteca A. Frinzi
In treno con Teresio: i deportati del trasporto 81
Bolzano-Flossenbürg

5-7 settembre 1944
Inaugurazione con VITTORE BOCCHETTA, ex deportato
DARIO VENEGONI, Presidente Nazionale ANED
MARIO SAVINI, Presidente ANED di Pavia
Mostra realizzata dalla sezione ANED di Pavia con un’integrazione sui deportati veronesi.
Aperta tutti i giorni, dalle ore 8.15 alle 23.45, fino al 20 febbraio 2018
23 gennaio – ore 17
Aula T1 – Polo Zanotto
LA STRADA DI CASA
Il ritorno in Italia dei sopravvissuti alla Shoah 

ELISA GUIDA (Università della Tuscia) presenterà la sua ricerca sul ritorno dei deportati dai Lager
In dialogo con DARIO VENEGONI, Presidente Nazionale ANED
25 gennaio – ore 21
Aula T2 – Polo Zanotto
CONCERTO DELLA MEMORIA
Programma di composizioni di donne prigioniere nei campi nazisti

Con la pianista MARIA DI PASQUALE e la violinista ESTER KAWULA
Regia di MARCO BROGI
Una produzione di GIONATA LAO per Eadem Produzioni
Ingresso libero sino a esaurimento posti
7 febbraio – ore 21
Teatro Camploy – Via Cantarane, 32
PRIMO 
Recital letterario di JACOB OLESEN da Se questo è un uomo di Primo Levi 
Adattamento di GIOVANNI CALÒ e JACOB OLESEN
Reia di GIOVANNI CALÒ
Una produzione di Enrico Carretta
Ingresso libero sino a esaurimento posti
14 febbraio – ore 17
Aula T1 – Polo Zanotto
IL SENSO DELLA MEMORIA
(Quei 102 anarchici nei lager nazisti)

FRANCO BERTOLUCCI (direttore Biblioteca Franco Serantini di Pisa) e
PAOLO FINZI (redattore di “A-rivista anarchica”), dialogheranno
Con MAURIZIO ZANGARINI (Università di Verona/ANED) e ANDREA DILEMMI (Università di Verona)
 
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Borse di specializzazione in medicina fino a 25.000 euro

Next Article

Vandali devastano la scuola per divertirsi nel weekend

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.