G8, agli arrestati solidarietà prof dell'Orientale

Nella tarda mattinata di ieri alcuni no global ed esponenti del movimento Onda hanno occupato il rettorato dell’Università Orientale di Napoli. Gli studenti chiedevano al rettore Lida Viganoni di «prendere una posizione pubblica in solidarietà con gli studenti arrestati in questi giorni (tra cui due studenti dell’Orientale) nelle proteste contro il G8».
Una nota del movimento recita che l’incontro «si è concluso con la disponibilità del rettore Vigagnoni a dare visibilità sul sito dell’Orientale alla situazione dei due studenti». Il corpo docente dell’Orientale invece si è prodotto in un appello «in difesa degli studenti arrestati e in generale del diritto al dissenso». L’appello è già stato firmato da una quindicina di docenti dell’ateneo.
Tra gli arrestati ci sono anche due studenti dell’Orientale: Egidio Giordano, uno dei ragazzi della «Insurgencia» napoletana e Alessandro Ventura. «Non è un caso se è stato colpito il movimento studentesco – sottolineano dal movimento – che quest’anno è in prima linea, soggetto attivo di una forte mobilitazione». L’appello è rivolto «a tutte le componenti sociali, politiche e accademiche per esprimere con fermezza l’assoluta inaccettabilità di quanto è successo nei giorni scorsi».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

G8, l'Onda torna nelle piazze

Next Article

Opportunità di lavoro su Ancona

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".