Francesco I prega a Santa Maria. “Sembra Papa da sempre”

Schermata 2013-03-14 a 09.59.39

Lo aveva preannunciato ieri sera dal loggione centrale di San Pietro: “Domani voglio andare a pregare la Madonna perché custodisca tutta Roma”. Papa Francesco, al secolo Jorge Mario Bergoglio, è andato a pregare alla basilica di santa Maria maggiore, questa mattina dalle otto alle otto e mezza, come primo atto del Pontificato.

Ai domenicani che lì svolgono funzione di penitenzieri ha raccomandato la misericordia. Giunto alle otto in un piccolo corteo di auto blu (la sua non era quella d’ordinanza del Pontefice, targata Scv1, Stato della Città del Vaticano 1), scortato dai gendarmi vaticani, Papa Francesco è stato accolto da tre cardinali: il vicario di Roma, Agostino Vallini, l’arciprete della basilica, lo spagnolo Santos Abril y Castelló, e l’arciprete emerito, lo statunitense Bernard Law.

Al suo seguito, il prefetto della Casa pontifica, mons. Georg Gaenswein, che è anche segretario personale di Benedetto XVI, il viceprefetto, padre Leonardo Sapienza, il portavoce Federico Lombardi. “Abbiamo appreso della sua visita ieri dalla televisione”, racconta il domenicano Elio Monteleone.

“Lui stesso aveva detto che oggi voleva pregare la Madonna, ma a Roma ci sono tanti santuari mariani… Invece è venuto qui, un luogo che frequentava anche da cardinale”. Bergoglio ha pregato in silenzio alla cappella della Madonna, davanti alla icona della Maria Salus Populi Romani, poi, insieme ai presenti, ha intonato il ‘Salve Regina’. Infine ha salutato tutti i presenti, ad uno ad uno, raccomandanto ai penitenzieri (ossia i confessori della basilica romana) di essere “misericordiosi verso le anime”. Il Papa “era molto sereno, come fosse stato sempre Papa”, commenta il domenicano. Alle otto e mezza, il Papa argentino ha lasciato la basilica per fare rientro in Vaticano.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Posto in banca? Sali in Sella

Next Article

La profezia sbagliata di Bergoglio: "Non ho nessuna chance", aveva detto

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".