Formazione e Ricerca, Profumo importa le double appointment

Il Ministro Francesco Profumo firma un decreto per consentire a professori e ricercatori universitari a tempo pieno di svolgere attività di ricerca presso un ente pubblico e ai ricercatori di ruolo degli enti pubblici di ricerca di svolgere attività didattica e di ricerca presso un’università.Convenzioni da uno a cinque anni

jj

Favorire l’osmosi delle esperienze tra enti e atenei, aprire barriere e creare un sistema della ricerca italiano più competitivo, meno frammentato e più capace di misurarsi in Europa. Sono questi gli obiettivi che il Miur intende raggiungere attraverso nuove opportunità di scambio e interazione tra personale delle università e degli enti pubblici di ricerca.

E’ quanto prevede il decreto firmato dal Ministro Francesco Profumo, per consentire a professori e ricercatori universitari a tempo pieno di svolgere attività di ricerca presso un ente pubblico e ai ricercatori di ruolo degli enti pubblici di ricerca di svolgere attività didattica e di ricerca presso un’università.

Le convenzioni hanno durata minima di un anno e sono rinnovabili fino a un massimo di cinque anni consecutivi.

Con questo decreto – afferma il ministro Profumo – si apre una nuova stagione di relazioni, basata sulla possibilità che docenti universitari e ricercatori degli enti, con le loro specificità, si integrino nelle attività quotidiane per creare un sistema della ricerca nazionale più forte e più competitivo sul piano europeo, e con attività di formazione più connesse ai risultati delle ricerche in sviluppo del nostro Paese. Queste possibilità di lavoro, in enti e atenei contemporaneamente, sono denominate nei paesi anglosassoni double appointment, e si possono estendere anche a università e enti di altri Paesi, con l’obiettivo – conclude il ministro – di favorire l’internazionalizzazione del nostro sistema di formazione e ricerca

Ulteriori informazioni sul sito del Miur

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Pubblicità shock a Napoli, rimossi i manifesti

Next Article

I giovani di Roma alla politica "Partiamo insieme per il Paese"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, parte la caccia al fondo da 1,3 miliardi di euro per 180 dipartimenti d’eccellenza

Il Ministero dell'Università pronto all'assegnazione dei fondi per le strutture che si distinguono per una ricerca di qualità. Per il quinquennio 2023-2027 sono 350 le strutture che verranno selezionate ma solo 180 riceveranno i fondi dopo la valutazione da parte dell'Anvur. Padova, Statale Milano e Sapienza le università con più dipartimenti candidati.