“Fisioterapia e Long COVID” gli eventi in vista della Giornata Mondiale della Fisioterapia

In occasione della Giornata Mondiale della Fisioterapia (8 settembre 2021), l’Associazione Italiana di Fisioterapia-AIFI con lo slogan LA FISIOTERAPIA RIMETTE IN MOTO LA VITA propone una serie di iniziative nazionali per far conoscere meglio ruolo, funzione e attività dei fisioterapisti.

La Giornata Mondiale della Fisioterapia

L’idea del World Physical Therapy Day è nata nel 1996 e fu scelta la data dell’8 settembre a memoria giorno del 1951 in cui fu fondata la World Physiotherapy – (WP), organizzazione internazionale, voce unitaria per la Fisioterapia, che rappresenta più di 660.000 fisioterapisti in tutto il mondo attraverso le 125 organizzazioni associate.

L’8 settembre è la Giornata Mondiale della Fisioterapia. Questo giorno è un’opportunità in tutto il mondo per sensibilizzare il cittadino circa il fondamentale contributo che la Fisioterapia dà alla Salute delle Persone di tutte le età e in moltissime condizioni.

Il tema mondiale per il 2021: Fisioterapia e Long COVID

Ogni anno la World Physiotherapy propone per il World PT Day un tema specifico. Per il 2021 è stato scelto il ruolo della Fisioterapia nella sindrome Long Covid. Il Long COVID è stato definito in maniera preliminare come la presenza di segni e sintomi che si sviluppano durante o a seguito di una infezione da COVID-19 che per dura per 12 settimane o più.

Il programma degli eventi previsti:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Covid e Brexit, studenti in fuga da Londra

Next Article

Non c'è futuro senza un'aria migliore, a Milano arriva il murale mangia-smog

Related Posts
Leggi di più

Mascherine a scuola, cresce il fronte di chi vorrebbe toglierle subito: “Con questo caldo un’inutile crudeltà verso gli studenti”

Il sottosegretario all'Istruzione Rossano Sasso (Lega) chiede al ministro Speranza di intervenire per modificare i protocolli e togliere l'obbligo di indossare il dispositivo di protezione a scuola viste anche le temperature record di questi giorni. Anche le associazioni dei genitori chiedono la revoca ma gli esperti frenano: "E' ancora presto".